Tag: BENEVENTO

Albanesi si aggirano tra case isolate: noti per furti

Si aggiravano senza motivo, a bordo della loro autovettura, nei pressi di alcune abitazioni rurali isolate, in località “zingara morta”, nel Comune di Fragneto Monforte. Per questo due albanesi di 49 e 46 anni, sono stati fermati dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Benevento.

Intorno alle 23, i militari hanno intimato l’alt ai due uomini, che per evitare il controllo hanno invertito il senso di marcia allontanandosi velocemnete.

I due dopo un breve inseguimento sono stati bloccati e condotti in caserma, dove sono stati eseguiti gli accertamenti di rito.

Al termine dei controlli è emerso che entrambi gli albanesi erano domiciliati in un comune della provincia molisana ed erano gravati da precedenti penali per la commissione di furti.

Inoltre, non essendo emersi ragionevoli motivi validi per giustificare la presenza nel luogo dove sono stati fermati e maggiormente per il loro comportamento, i carabinieri hanno avviato nei loro confronti le procedure per l’irrogazione del foglio di via obbligatorio, che gli impedirà il ritorno nel territorio di Fragneto Monforte fino ad un massimo di tre anni.

http://www.ntr24.tv/it/news/cronaca/fragneto-monforte-si-aggiravano-nei-pressi-di-alcune-abitazioni-foglio-di-via-per-due-pregiudicati-albanesi.html#.UkfjzayhwV4.facebook

Non si capisce perché non espellerli. Questa cosa dei ‘fogli di via’ metropolitani è ridicola.

Piaga georgiana: arrestati in 13, decine di rapine in casa

20 settembre 2013 – Dalle prime ore della mattinata la Polizia di Stato sta eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 13 persone ritenute appartenenti ad una banda di cittadini georgiani responsabile di decine di furti in abitazione verificatisi tra i mesi di febbraio e giugno scorsi nelle province di Salerno, Napoli, Latina, Avellino, Benevento, Campobasso, Palermo e Trapani. Le indagini, avviate lo scorso mese di aprile, sono state condotte, in stretta sinergia con il Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato (SCO), dalla Squadra Mobile di Salerno che sta dando esecuzione al provvedimento in collaborazione con le Squadre Mobili di Roma, Napoli, Palermo e Trapani ed il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria. Sono in corso numerose perquisizioni nei confronti di altri indagati non raggiunti da provvedimento restrittivo.

Il gruppo di georgiani, in gran parte clandestini, aveva collegamenti con altri analoghi gruppi presenti in altri Paesi europei. Le indagini hanno riscontrato il costante utilizzo da parte degli indagati di documenti di identità e di permessi di soggiorno falsi. L’organizzazione era particolarmente ramificata e strutturata con: la disponibilità di un ampio parco autovetture falsamente intestate al fine di rendere più difficoltose le indagini e la possibilità di risalire all’identificazione dei responsabili; la reciproca assistenza finanziaria e la garanzia della tutela legale in caso di arresto; consolidati canali di riciclaggio dei proventi dei furti; veri e propri corsi di addestramento per gli affiliati per l’apertura delle serrature per l’ingresso negli appartamenti.

Il gruppo di georgiani si avvaleva anche delle illecite attività di una 54enne donna napoletana che era in grado di fornire sostegno logistico con autovetture, alloggi ed altre utilità. Oltre ai furti contestati nell’ordinanza, numerosi altri furti sono stati sventati nel corso delle indagini ed in diverse occasioni gli autori sono stati arrestati in flagranza di reato con sequestro di refurtiva ed arnesi da scasso. Già nei mesi appena trascorsi, l’efficacia dell’attività investigativa e di contrasto ha determinato una sostanziale diminuzione del fenomeno: a Salerno i furti in abitazione nel secondo quadrimestre dell’anno sono diminuiti di circa il 50% rispetto al primo quadrimestre.

http://www.ntr24.tv/it/news/cronaca/furti-in-casa-arrestati-13-georgiani-messi-a-segno-colpi-anche-a-benevento.html

In ambito criminale l’integrazione funziona perfettamente.

Caserta, litiga con un connazionale e rompe il vetro di un bus di linea – Il Mattino


Il Mattino

Caserta, litiga con un connazionale e rompe il vetro di un bus di linea
Il Mattino
che copre la tratta Aversa–Castelvolturno, a bordo del quale viaggiava. Un nigeriano di 30 anni, residente a Benevento, è stato arrestato dai carabinieri della stazione di Villa Literno con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale

altro »

Benevento, rissa tra egiziani con – Il Mattino


Il Mattino

Benevento, rissa tra egiziani con
Il Mattino
I carabinieri della stazione di Morcone hanno arrestato per rissa tre cittadini egiziani fra i 19 e 21 anni mentre un quarto minorenne di nazionalità nigeriana è stato denunciato in stato di libertà per lo stesso reato. Nella tarda serata di ieri i

altro »

Benevento, arrestati due romeni che cercano di svaligiare un … – Il Mattino


Il Mattino

Bdenevento, arrestati due romeni che cercano di svaligiare un
Il Mattino
Stavano per penetrare nell'abitazione di un docente universitario in via Rummo a Benevento, quando sono stati arrestati dai carabinieri che li hanno colti sul fatto: in carcere due romeni. Un quarantenne e un ventenne originari della Romania sono gli

Allarme Tubercolosi tra detenuti stranieri

Si aggrava a Benevento il rischio di una epidemia di tubercolosi nel carcere di Contrada Capodimonte: «Dopo la scoperta il 23 dicembre di un detenuto straniero affetto da tubercolosi – riferisce il Sappe, sindacato autonomo polizia penitenziaria – erano stati disposti provvedimenti di profilassi per i poliziotti penitenziari in servizio in quella sezione detentiva e dagli accertamenti è risultato che quattro agenti sono risultati positivi al test della tbc. Ma il numero potrebbe essere più elevato, perchè il detenuto era un lavorante, libero di muoversi nel carcere».

Per il segretario generale del Sappe Donato Capece, «quanto accaduto a Benevento è gravissimo e le responsabilità di avere ammesso al lavoro un detenuto con la tubercolosi sono ben precise: il direttore del carcere deve essere avvicendato. Non può infatti costituire un alibi per l’amministrazione penitenziaria centrale l’assenza di un programma di prevenzione sui rischi di contagio, affinchè si evitino ingiustificati allarmismi, con la sottoposizione periodica degli operatori penitenziari a vaccinazioni, la dotazione di kit di protezione, l’indicazione di una scrupolosa profilassi da eseguire. Tutto questo a Benevento non è stato fatto».

Il Sappe auspica che «il ministro della Giustizia Severino assuma urgenti iniziative. Sono evidenti anche le responsabilità del capo del Dap Tamburino e del vicecapo Pagano. La necessità di uno screening su scala nazionale risulta quanto più utile e opportuno in considerazione dell’alto tasso di detenuti stranieri provenienti da Paesi dove patologie, che in Italia sono state debellate, sono assai radicate e diffuse, anche in considerazione che il sovraffollamento favorisce la possibilità di contagio».

http://www.ilmattino.it/benevento/benevento_carcere_epidemia_tubercolosi/notizie/240823.shtml

Benevento: tre romeni arrestati per rapina dopo un inseguimento … – LiberoQuotidiano.it


ANSA.it

Benevento: tre romeni arrestati per rapina dopo un inseguimento
LiberoQuotidiano.it
Benevento, 16 nov. – (Adnkronos) – Tre giovani romeni sono stati arrestati con l'accusa di rapina impropria e lesioni personali a Forchia nel beneventano, dai carabinieri al termine di un inseguimento in auto. I tre indagati prima hanno terrorizzato e
Rissa al bar tra 2 italiani e 3 romeniANSA.it
Rumeni offendono le bariste, poi picchiano due ragazzi intervenuti a Il Mattino

tutte le notizie (8) »

Integrazione: molestano bariste e aggrediscono italiani corsi a difenderle

I ministri Riccardi e Cancellieri soddisfatti dagli effetti della loro Sanatoria

ANSA.it
BENEVENTO, 16 NOV – Romeni, prima offendono e molestano due bariste, poi aggrediscono due Italiani accorsi in loro difesa.
Rumeni offendono le bariste, poi picchiano due ragazzi intervenuti a Il Mattino

Benevento, tre romeni arrestati per rapina dopo inseguimento con … – Adnkronos/IGN


ANSA.it

Benevento, tre romeni arrestati per rapina dopo inseguimento con
Adnkronos/IGN
(Adnkronos) – Tre giovani romeni sono stati arrestati con l'accusa di rapina impropria e lesioni personali a Forchia nel beneventano, dai carabinieri al termine di un inseguimento in auto. I tre indagati prima hanno terrorizzato e picchiato due clienti
Rissa al bar tra 2 italiani e 3 romeniANSA.it
Rumeni offendono le bariste, poi picchiano due ragazzi intervenuti a Il Mattino

tutte le notizie (8) »