Tag: armato

Perugia: tunisino assale i clienti di un locale con una bottiglia rotta, è già libero

Ubriaco e armato di una bottiglia rotta martedì sera è entrato in un locale del centro storico di Perugia minacciando i clienti. Per questo un ragazzo di 19 anni, tunisino, è stato arrestato poco dopo dai carabinieri del capoluogo. Secondo la ricostruzione fatta dai militari B.A. (queste le sue iniziali), era entrato nel bar completamente ubriaco con in mano il collo rotto di una bottiglia e, in uno stato evidentemente alterato a causa dell’alcol ingurgitato, ha preso per non meglio precisati motivi a minacciare la clientela che stava trascorrendo la serata nel locale.

Poco dopo arrivano i militari e qui, invece di arrendersi, il tunisino (irregolare, senza un casa e con precedenti penali) ha aggredito con calci e pugni i carabinieri nel tentativo di fuggire. Disarmato e ammanettato ha sfogato la sua rabbia per l’amara conclusione della serata danneggiando a calci la volante. Arrestato per resistenza a pubblico ufficiale, minacce e danneggiamento, è stato processato per direttissima mercoledì mattina patteggiando una pena di otto mesi. La pena è stata sospesa e il ragazzo è stato rimesso in libertà.

http://www.umbria24.it/perugia-ubriaco-e-con-una-bottiglia-rotta-minaccia-i-clienti-di-un-bar-poi-aggredisce-i-carabinieri/163989.html

Indiano assale agenti con siringa usata

Cison di Valmarino, drogato suona ai carabinieri e li aggredisce
Imbottito di droga ha dato all’assalto alla caserma dei carabinieri armato di una siringa usata. Un indiano di 22 anni, residente a Revine Lago, è il protagonista di questa incredibile storia.
E’ accaduto giovedì a Cison di Valmarino. I militari hanno visto suonare alla loro porta il giovane, cheha subito tentato di colpire il carabiniere di guardia.
Per disarmarlo è stato necessario l’intervento dei colleghi. L’indiano è stato arrestato e denunciato per resistenza, minacce e oltraggio a pubblico ufficiale. Secondo gli esami dei medici il giovane aveva appena assunto droga e con la siringa ancora sporca di sangue aveva tentato l’aggressione

http://www.trevisotoday.it/cronaca/drogato-aggredisce-carabinieri-cison-di-valmarino.html

Vicenza, immigrato irrompe in un bar armato di spada: terrore e feriti

VICENZA, 25/03/2013 – Un trentenne marocchino, Tarik Essounani, è stato arrestato oggi dai carabinieri ad Asiago dopo aver seminato il panico in un locale pubblico estraendo dal giubbotto una katana giapponese con un lama di 62 centimetri.

CATTIVI MAESTRI

Nel fuggi-fuggi generale un cliente del bar, un 39enne di Asiago, è caduto rovinosamente a terra, riportando la frattura del femore sinistro. Portato al’ospedale cittadino, l’uomo è stato sottoposto ad un intervento chiurugico. Lo straniero, probabilmente in stato di ubriachezza, è stato portato a fatica all’esterno del locale da alcuni clienti, contro i quali si è successivamente scagliato, inveendo a più riprese. Sul posto è giunta una pattuglia dei carabinieri di Asiago, che ha arrestato l’uomo per lesioni personali gravi, minacce e porto abusivo di arma bianca. Stamane, con rito direttissimo, il giudice del Tribunale di Bassano ha convalidato il suo arresto, rinviando l’udienza al prossimo 6 maggio. Il marocchino è stato quindi rimesso in libertà, non avevamo dubbi. Cari magistrati volete che i cittadini comincino a farsi giustizia da soli?

http://www.ilgazzettino.it/nordest/vicenza/armato_di_scimitarra_semina_il_panico_in_un_bar_di_asiago_ferito_un_cliente/notizie/260810.shtml

Vasta operazione anti-nomadi dei carabinieri contro furti e rapine in abitazioni


Vasta operazione dei carabinieri contro furti e rapine in abitazioni
il punto a mezzogiorno
Il Magistrato di turno della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, intervenuto sul posto, ha disposto l’arresto degli altri due cittadini di nazionalità rom per il reato di rapina impropria. Un quarto uomo, armato di fucile, come altro »

Rissa tra immigrati in discoteca, spunta una pistola, giovane spara

 L'ingresso del discoclub di Fontanafredda (foto Lancia)

PORDENONE – In discoteca armato di pistola, una innocua scacciacani che non però ha esitato ad usare per sedare una violenta lite. La zuffa risale alla notte tra sabato e domenica, sullo sfondo c’è il parcheggio delladiscoteca “Dolce vita” di Fontanafredda, un tranquillo locale sulla Pontebbana molto frequentato dai giovani.
I protagonisti della rissa hanno tutti tra i diciannove e venti anni: tre sono di origine albanese, un quarto è romeno. È stato quest’ultimo, operaio residente a Sacile,a innescare involontariamente il diverbio. Era all’interno del locale, quando avrebbe urtato una ragazza albanese che abita a Brugnera. Lei ha reagito, convinta che il diciannovenne di Sacile si fosse avvicinato con l’intenzione di avere un contatto. Lui ha tentato di convincerla che stava equivocando, ma ne è seguita un’accesa discussione che, dall’interno della discoteca, si è spostata nel parcheggi

Tunisino tenta rapina a cinese e manda all’ospedale due carabinieri – Il Mattino


Il Mattino

Tunisino tenta rapina a cinese e manda all'ospedale due carabinieri
Il Mattino
NAPOLI – Un tunisino, Admen Ayed di 29 anni, è stato arrestato con l'accusa di tentata rapina, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali e danneggiamento. Il malvivente è accusato di avere tentato di rapinare, armato di coltello, una cittadina

altro »

Mazzate, morsi e pugni alla ex minacciata col coltello

Stanno creando una società caotica

Momenti di paura nel pomeriggio di ieri per due sorelle, rispettivamente di 23 e di 25 anni, residenti nel quartiere di Torre Angela. Un cittadino di origini serbo-kosovare di 34 anni, ex fidanzato della 23enne, si è presentato sotto l’abitazione della sorella della giovane, in via Virginio Prinzivalli, dove si era rifugiata dopo aver saputo che l’uomo la stava cercando. Il 34enne, alla vista della ex, dopo averla ripetutamente insultata, ha estratto un grosso coltello da cucina con cui ha forato le ruote dell’autovettura della giovane, parcheggiata in strada nei pressi dell’abitazione, per poi allontanarsi.

DISTRUZIONE DELL’AUTO – Le ragazze, romene, vedendolo andar via, hanno creduto che il peggio fosse ormai passato, ma l’uomo, dopo qualche ora, è tornato sotto la palazzina di largo Prinzivalli, questa volta armato con una grossa spranga in metallo con cui ha nuovamente infierito sull’autovettura della 23enne. La vittima, impaurita, ha chiesto aiuto al “112”, poi , insieme alla sorella, è scesa in strada per tentare di tranquillizzare il suo ex compagno. Per tutta risposta, lo slavo si è scagliato con estrema violenza sulle donne, aggredendole con morsi, pugni e, successivamente, con una mazza da baseball che aveva nella sua auto.

AGGRESSIONE ALL’EX – Neutralizzata la cognata, ormai distesa a terra dolorante, ha afferrato per il collo la sua ex per costringerla a salire a bordo della sua autovettura, ma proprio in quel frangente sono sopraggiunti i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Frascati che hanno bloccato la furia dell’uomo. Ora si trova nel carcere di Regina Coeli in attesa di giudizio: dovrà rispondere dei reati di lesioni personali aggravate, danneggiamento aggravato e porto di oggetti atti ad offendere. Le sorelle, trasportate presso l’ospedale “San Sebastiano Martire” di Frascati, sono state giudicate affette da contusioni multiple una e trauma cranico minore l’altra, ma entrambe giudicate guaribili in 7 giorni. Sono tuttora in corso le indagini dei Carabinieri per verificare se l’uomo possa essere responsabile di altri danneggiamenti o aggressioni di cui la giovane è rimasta vittima in passato.

 

http://torri.romatoday.it/altre/aggressione-ex-fidanzata-cognata-via-prinzivalli.html

Armato di coltellaccio aggredisce condomini

Europa senza frontiere

GENOVA. 22 DIC. Su segnalazione di alcuni cittadini la polizia è intervenuta in un portone di via Chiabrera dove un pregiudicato 40enne di nazionalità lettone, in evidente stato d’ebbrezza alcolica, aveva cominciato ad aggredire i condomini.

L’uomo da subito ha mostrato un atteggiamento ostile nei confronti degli agenti della volante, dapprima insultandoli e minacciandoli, arrivando fino a colpirli, procurando ad uno di questi ferite giudicate guaribili in 7 giorni.
Lo straniero, a seguito di controllo, è stato trovato in possesso di un coltello in metallo lungo 16 cm., di cui 7 di lama ed è stato arrestato per resistenza, minacce, lesioni e segnalato per porto abusivo di armi od oggetti atti ad offendere.

http://ligurianotizie.it/40-enne-lettone-in-stato-di-ebbrezza-aggredisce-la-polizia-e-viene-arrestato/2012/12/22/73551/

Africano armato di taglierino aggredisce una donna

Immigrazione

Un Ghanese di 32 anni è stato arrestato giovedì pomeriggio dai carabinieri a Pontoglio per tentata rapina e per resistenza a pubblico ufficiale. Erano le 14 quando in via Matteotti una signora di 60 anni è stata aggredita alle spalle da uno sconosciuto, armato di taglierino. L’uomo voleva prendere la borsa, ma la donna ha resistito tanto che il malvivente per riuscire nel colpo ha tagliato la tracolla usando la lama che stringeva in pugno: un colpo deciso, violento, il taglierino ha ferito il dito della rapinata. Poi la fuga, ma il ghanese non è passato inosservato e la direzione è stata segnalata ai carabinieri che sono arrivati subito dopo, allertati dalla donna derubata. Il ghanese fuggito in via Kennedy si era rifugiato in una soffitta e quando i carabinieri sono arrivati ha tentato di reagire. Quindi sono scattate le manette: il 32enne è stato arrestato per tentata rapina e per resistenza a pubblico ufficiale.

http://brescia.corriere.it/brescia/notizie/cronaca/12_dicembre_21/renta-rapina-pontoglio-aggredisce-donna-arrestato-2113268498157.shtml