Tag: al limite

Nomadi, il consigliere della Lega: «Contro i barbanera serve l … – Il Messaggero


Il Messaggero

Nomadi, il consigliere della Lega: «Contro i barbanera serve l
Il Messaggero
VENEZIA – Contro i «barbanera», nomadi di etnia rom che a Venezia e in altre città venete usano «metodi» insistenti al limite della violenza per chiedere l'elemosina, scenda in campo l'esercito: la richiesta, da girare al governo, è del consigliere

altro »

Invasori chiamano, Guardia Costiera arriva: altri 58 invasori ‘soccorsi’

Canale Sicilia, soccorsi 58 invasori

Soccorsi durante la notte nel canale di
Sicilia, con due interventi distinti
della Guardia Costiera, 58 migranti.

Una barca in difficoltà, con a bordo 41
eritrei fra cui una donna, è stata soc-
corsa al limite fra le acque italiane e
quelle maltesi da una motovedetta che
ha trasferito i migranti a Pozzallo(RG)

Il secondo intervento si è reso neces-
sario a 4 miglia da Lampedusa, dove so-
no stati soccorsi 17 pseudo-siriani, fra cui
che si trovavano a bordo di un gommone in avaria.

La Guardia Costiera collabora in sostanza con i trafficanti.

Arrestato rapinatore seriale: è tunisino


Il Secolo XIX
Arrestato rapinatore seriale di tunisini
Il Secolo XIX
La Spezia – E’ un vero rapinatore seriale, di quelli però che colpiscono solo connazionali o, al limite, nordafricani. Eh sì, per Benatia Khokri, 32 anni, tunisino, coltelli, taglierini o anche le semplici mani nude sono strumenti indispensabili per  

Ivoriano tenta di stuprarla in discoteca: salvata da italiani

Perugia 24 giugno 2013 – Forse un approccio maldestro o peggio ancora una forzatura al limite della molestia sessuale. Sono queste le due ipotesi al vaglio degli agenti delle Volanti che starebbero alla base di una rissa in discoteca avvenuta domenica mattina all’alba tra alcuni ragazzi. Ad aver avuto la peggio è stata propria la ragazza che aveva richiesto l’aiuto di alcuni amici perchè si sentiva in pericolo per via delle attenzioni morbose di un ivoriano: la giovane ha riportato un morso ad un braccio che i sanitari del Pronto Soccorso di Perugia considerano guaribile in 20 giorni.

La giovane ha ammesso agli agenti di aver chiamato gli amici perchè l’ivoriano “voleva violentarmi”. Non dimentichiamoci che in pochi mesi sono state diverse le feroci violenze sessuali in città anche dal ritorno della discoteca. A quel punto sono intervenuti altri perugini che hanno cercato di bloccare lo straniero scatenando così un vero e proprio parapiglia con tanto di Volanti costrette ad intervenire.

http://www.perugiatoday.it/cronaca/rissa-molestie-sessuali-denuncia.html

 

 

 

Torino: zingari padroni, furti a raffica

Continuano i furti in zona Centro Europa e Gerbido. E i residenti non ne possono più. Sono decine le segnalazioni di furti e di truffe che vengono riportate dai cittadini. Alcune anche molto amare: Giovanni V., residente, racconta che in via Induno una coppia di anziani ha trovato il suo appartamento svuotato dei preziosi e dei soldi. “E non è l’unico caso, spesso per le scale dei palazzi si vedono strani figuri che salgono piano per piano”.

La situazione è critica anche davanti al supermercato Lidl di corso Tazzoli, presso via Crea e via Allason: qui, una donna è stata derubata delle sue borse appena pochi giorni fa.

Eugenio Plazzotta, consigliere della Lega Padana Piemont in Circoscrizione Due, ha presentato un’interpellanza chiedendo di sapere dal sindaco, al presidente della Circoscrizione e al coordianatore competente in quale modo intendano agire per arginare il problema dei rom. E già, perché il nocciolo della situazione è sempre quello.

I nomadi del campo di corso Tazzoli sono al centro delle segnalazioni dei cittadini, che li incolpano di tutti i piccoli e grandi atti criminali del quartiere. Con atti che vanno anche all’estremo della decenza: Giovanni V. racconta che sono soliti farsi il bagno al toret di via Cimabue, davanti alla gente che passa.

I furti e i furtarelli sono all’ordine del giorno: Plazzotta racconta anche che nelle scorse sere un gruppo di persone sono state scacciate dai cittadini, mentre erano intente a prendere a picconate un tombino, in via Guidobono angolo via Rubino, con l’evidente intento di sradicarlo completamente. “Non se ne può più: ormai non si limitano nemmeno a portarsi via il tondino dei tombini, vogliono sdradicarli completamente – dichiara Plazzotta – Per quanto mi riguarda, ritengo che la situazione sia arrivata da molto tempo al limite della sopportazione. Occorre una presa di posizione efficace”.

Potrebbe interessarti:http://www.torinotoday.it/cronaca/furti-centro-europa-gerbido-eugenio-plazzotta.html