“SPORCA ITALIANA”: E POI IL MAROCCHINO ‘INTEGRATO’ LE STUPRAVA

08-02-2015

“Sporca italiana”, così le insultava dopo averle minacciate con un coltello, aggredite e violentate. Si chiama Achraf Badi ed ha 21 anni. Sarebbe lui l’uomo, marocchinO, “brutale e razzista”, così lo hanno descritto le sue vittime, che negli ultimi tempi ha seminato il panico sulla statale jonica del cosentino. Vive a Francavilla Marittima (Cs) insieme alla sua famiglia, regolarmente in Italia, ed è incensurato. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti di Castrovillari, il 30 gennaio scorso avrebbe violentato una prostituta, che ha denunciato tutto. Badi sarebbe l’autore di 3 stupri ed è anche accusato d’aver commesso almeno 10 rapine, compiute tra il novembre del 2014 e il gennaio 2015, una delle quali con sequestro di persona. Dopo averla aggredita, infatti, pare che Badi abbia condotto una delle vittime in luogo isolato, ma che la donna sia riuscita a fuggire, per questo motivo l’accusa di sequestro.

I carabinieri, che hanno condotto le indagini, ritengono che il 21enne si appostasse sulla statale 106 jonica, tra Corigliano Calabro e Cassano allo Jonio, in prossimità di incroci, nascosto dietro a cartelloni pubblicitari, nell’attesa che si fermassero auto con a bordo donne sole per aggredirle. Solo successivamente, le aggressioni si sarebbero concentrate sulle prostitute della zona, vittime ideali, per paura di essere scoperto. “Abbiamo fermato un criminale seriale che prima rapinava le prostitute e dopo le stuprava, inveendo contro di loro con appellativi e minacce”, ha dichiarato il procuratore di Castrovillari Franco Giacomoantonio, durante la conferenza. “L’allarme era tale – ha proseguito il procuratore – che le persone non uscivano più di casa se non in orari diurni e mai sole. L’aver risolto il caso restituisce serenità alle comunità coinvolte”.
Il giovane, la cui identità è stata confermata tenendo in considerazione i racconti delle donne che parlavano di una strana pronuncia, è stato fermato il 2 febbraio scorso, dopo la denuncia della prostituta romena rapinata che è riuscita a segnare il numero di targa dell’auto sulla quale il giovane si spostava. Proprio attraverso l’auto, i carabinieri sono riusciti a risalire al proprietario che ha raccontato d’averla venduta al padre di Achraf Badi. Il ritrovamento di alcuni telefoni cellulari durante una perquisizione all’interno di un’automobile, poi, ha consentito di avviare le indagini che hanno portato all’arresto.
Intanto, però, restano aperte le ricerche. Almeno in una occasione, secondo il racconto delle vittime, ancora provate dell’esperienza, Badi, avrebbe agito con due complici.

– See more at: http://www.strill.it/citta/2015/02/corigliano-calabro-cs-violentava-e-rapinava-donne-in-auto-arrestato-21enne-marocchino-foto/#sthash.xwvVNMD6.dpuf

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA

RSS Feed Widget

Lascia un commento