Sacerdoti ‘picchiano’ africano che molestava ragazza

11-04-2015

Stavolta non hanno porto l’altra guancia. Hanno fatto uno strappo alla regola evangelica e si sono scagliati con energia contro un marocchino che stava selvaggiamente picchiando una badante. L’intervento di due sacerdoti di Offlaga ha messo in fuga l’aggressore, che nel giro di una manciata di minuti è tornato sulle tracce della vittima del pestaggio… per concludere l’opera . Ma prima che la situazione potesse degenerare, il nord africano è stato arrestato dai carabinieri di Manerbio. L’episodio è avvenuto nei giorni scorsi in via Giotto, nella casa di un anziano accudito dalla badante di 30 anni. Approfittando della visita all’anziano di un sacerdote e di un frate incaricati di portare la comunione al domicilio delle persone ammalate, S.D., 37enne residente a Brescia, è riuscito a introdursi nell’abitazione spacciandosi per un amico di famiglia. Quando se l’è trovata davanti, in preda a un raptus si è lanciato contro l’ex fidanzata e, sotto lo sguardo attonito dei due religiosi, ha cominciato ad insultarla e picchiarla. Dopo averla gettata sul pavimento, ha afferrato la badante per i capelli trascinandola per alcuni metri. A questo punto i sacerdoti sono intervenuti. La loro inattesa reazione ha spiazzato S.D., che dopo un attimo di incredulità ha guadagnato l’uscita, non prima di aver strappato di mano alla badante lo smartphone con cui cercava di telefonare ai carabinieri.
Mentre la 30enne era in caserma a sporgere denuncia e i preti erano rientrati in canonica, il marocchino è tornato nella casa dell’anziano alla ricerca dell’ex fidanzata. I familiari del pensionato però hanno chiamato il 112. Una pattuglia del radiomobile di Verolanuova è intervenuta arrestando il nord africano con l’accusa di lesioni e furto. Le indagini hanno appurato che l’aggressione è stata l’epilogo di un’escalation di minacce e pressioni psicologiche. Il marocchino non accettava la separazione e aveva promesso alla ex fidanzata che si sarebbe vendicato. Una vendetta sfumata grazie a due sacerdoti che per una volta non hanno porto l’altra guancia.

http://m.bresciaoggi.it/stories/Home/1127915_il_fidanzato_respinto_aggredisce_una_badante/

ARTICOLI CORRELATI

Brescia, EVIDENZA

RSS Feed Widget

Lascia un commento