Roma, Tunisino minaccia di fare esplodere condominio

11-09-2017

Ha minacciato di far esplodere un palazzo aprendo il gas di due bombole. Un tunisino di 29 anni, alcolista con problemi comportamentali, è stato arrestato dalla polizia a Roma. A chiamare gli agenti è stata la madre che non riusciva più a trattanere il figlio e ha composto il numero unico di emergenza.

Gli agenti del reparto volanti e del commissariato Romanina, arrivati velocemente, insieme alla donna, hanno provato a entrare in casa. Il giovane però non li ha fatti entrare, anzi, ha iniziato a gridare di allontanarsi, altrimenti avrebbe fatto scoppiare il locale saturato con il gas delle due bombole della cucina.

Gli agenti hanno fatto allontanare i condomini, chiedendo contemporaneamente l’ausilio dei vigili del fuoco per l’apertura della porta, bloccata dai mobili che il giovane aveva messo dietro l’uscio e le finestre per impedire l’ingresso. I poliziotti, grazie ai vigili del fuoco, che hanno rilevato una presenza di gas ben al di sopra dei parametri di sicurezza, sono così riusciti a entrare nell’appartamento ormai saturo. Lì, hanno trovato il giovane seduto su una sedia accanto alle due bombole contenenti gpl, da 10 e 16 chili, con un accendino nella tasca destra dei pantaloni. Bloccato a fatica, tanto che due dei poliziotti hanno dovuto far ricorso a cure mediche, il giovane è stato arrestato.

http://www.ilmessaggero.it/roma/cronaca/palazzo_esplosione_roma-3232746.html

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Roma

RSS Feed Widget

Lascia un commento