Rom usavano 2 prestanome, per le loro 40 auto

02-04-2015

null

TREVISO – Scoperti dalla Polizia stradale di Treviso gli intestatari fittizi di 40 veicoli usati da nomadi e pregiudicati per commettere reati: i due uomini dovranno pagare una sanzione di oltre 21.000 euro.
L’indagine inizia alla fine di gennaio 2015, quando una pattuglia della Sottosezione Autostradale A27-Treviso Nord interviene all’area di servizio Piave Ovest dell’autostrada A27 per segnalazione di un furto su un’autovettura parcheggiata davanti al bar. Effettivamente, qualcuno aveva rotto il finestrino posteriore di una Toyota Land Cruiser appartenente ad un orafo ed aveva asportato vari documenti inerenti l’attività lavorativa, comprese autorizzazioni, un IPad, capi di abbigliamento e due borse.

Due testimoni riferivano di aver visto due persone di corporatura robusta travisate da sciarpa e cappello, introdursi all’interno dell’autovettura Toyota e prelevare del materiale per poi caricarlo in una Ford Mondeo di colore grigio, della quale fornivano una targa parziale, e di aver notato un furgoncino, probabilmente un Fiat Fiorino di colore bianco, fermo sulla corsia d’emergenza davanti all’area di servizio. La vittima del furto aggravato veniva accompagnata presso la Sottosezione Autostradale per sporgere denuncia.
L’orafo ha dichiarato di essere partito dalla Fiera di Pordenone, dove aveva esposto alcuni gioielli il giorno precedente. I poliziotti del Reparto Autostradale A27 hanno acquisito subito le immagini esterne della zona fieristica di Pordenone, accertando che la Toyota era stata seguita a breve distanza, lungo l’autostrada A28, da altri tre veicoli: una Ford Mondeo di colore grigio, una Daewoo Tacuma di colore blu e un Fiat Doblò di colore bianco. Ulteriori accertamenti permettevano di individuare gli intestatari dei veicoli, A. A. di 46 anni, residente a Porto Tolle (RO) e G. M. di 37 anni, residente a Mira (VE). I due individui risultavano gravati da numerosi precedenti di Polizia. Sono stati quindi contattati ed invitati a fornire spiegazioni a riguardo.

Gli stessi hanno dichiarato di non avere la disponibilità dei veicoli menzionati, nonostante fossero intestati a loro e di non sapere esattamente chi di fatto li utilizzasse. Purtroppo il luogo dove era avvenuto il furto non era video sorvegliato e la visione delle immagini della zona fieristica di Pordenone non ha fornito elementi utili alle indagini. Non potendo procedere nei loro confronti in mancanza elementi certi, i poliziotti hanno effettuato ulteriori accertamenti scoprendo che i due soggetti risultavano proprietari in totale di ben 40 veicoli, il che spiegava ampiamente la loro sconoscenza circa le sorti degli stessi che, con ogni probabilità venivano usati in più occasioni per commettere illeciti.

Per quanto sopra, nei giorni scorsi si procedeva quindi alla contestazione dell’art. 94 bis Codice della Strada nei confronti dei summenzionati per essere intestatari fittizi di veicoli, di fatto in uso a nomadi e pregiudicati dediti alla commissione di crimini.
L’articolo menzionato prevede una sanzione di 531 euro, il che ha comportato la contestazione complessiva nei loro confronti di oltre 21.000 euro. Inoltre lo stesso articolo prevede la cancellazione dei veicoli dal P.R.A. Le indagini della Polizia Autostradale sono ancora in corso in collaborazione con la Polizia Stradale delle provincie vicine a Treviso al fine di assicurare alla giustizia gli autori di simili reati.

http://www.oggitreviso.it/le-%E2%80%9Cloro%E2%80%9D-40-auto-usate-da-nomadi-delinquere-multa-da-21mila-euro-109296

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Treviso

RSS Feed Widget

Lascia un commento