Rom beccati con 700 chili di rame rubato in auto: liberi perché reato ‘depenalizzato’

12-04-2015

Sono accusati di furto aggravato tre rumeni, di 22, 19 e 18 anni, domiciliati nel campo nomadi del quartiere Japigia di Bari, sopresi dai Carabinieri con 700 chili di cavi di rame appena rubati. I militari, nel corso della notte, hanno incrociato sul lungomare del capoluogo, nei pressi di Torre Quetta, una Rover station wagon carica di materiale, con tre individui a bordo. La gazzella ha fatto immediatamente inversione, inseguendo l’auto per alcune centinaia di metri. I tre a bordo della Rover hanno quindi abbandonato il mezzo, dandosi alla fuga a piedi, ma sono stati bloccati. Nel bagagliaio del veicolo, i Carabinieri hanno trovato un carico di grossi cavi di rame, del peso di circa 700 chili, che sono risultati provento di un furto commesso poco prima lungo la tratta delle Ferrovie dello Stato, a ridosso del lungomare Di Cagno Abbrescia. Tratti in arresto, i tre, su disposizione della Procura della Repubblica di Bari sono stati processati per direttissima. Dopo la convalida dell’arresto sono stati rimessi in libertà.

http://www.puntotvonline.it/2015/04/Bari-scoperti-con-700-chili-di-rame-rubato-arrestati-tre-rumeni.html

ARTICOLI CORRELATI

Bari, Crimini Immigrati

RSS Feed Widget

Lascia un commento