Recanati, 19enne islamica uccisa dal padre

25-02-2018

A 19 anni voleva essere più libera, affrancarsi un po’ dagli usi e costumi della sua terra d’origine, il Pakistan.

Ma il padre, un 43enne muratore, non era d’accordo. E così ha ucciso la figlia, Azka Riaz, morta con ogni probabilità in conseguenza delle lesioni provocatele dalle sue botte. Secondo i carabinieri, l’uomo ha provato a simulare una morte per incidente stradale, infatti il corpo della giovane è stato trovato sull’asfalto, in parte investito da una vettura che è transitata e il cui conducente non ha potuto evitare perché dall’altra parte arrivava un’altra vettura. Il medico legale ha rilevato lesioni non apparentemente compatibili con un investimento stradale.

Azka potrebbe essere morta per emorragia e lasciata lì per terra, in un’assurda lotteria legata a un investimento stradale. E quando il corpo è stato trovato, il padre era lì, a pochi metri di distanza, nella sua auto. Ora è in carcere, a Montacuto, ad Ancona, in stato di fermo con l’accusa di omicidio preterintenzionale. Sul suo conto già da mesi i carabinieri di Recanati avevano avviato un’attività investigativa perché erano emerse vicende di maltrattamenti. Domani mattina è in programma l’autopsia sul corpo della giovane per sciogliere ogni dubbio sul decesso.

Intanto resta indagato per omicidio colposo il conducente dell’auto presunta investitrice, un 52enne di Montecosaro, il quale ha raccontato di avere superato la ragazza mentre era esanime a terra e di non averla travolta.

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/macerata-giallo-sulla-morte-19enne-pachistana-fermato-padre-1498351.html

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Macerata

RSS Feed Widget

Lascia un commento