Ragazzine Rom sorprese con ‘cacciavite’ e ‘piede di porco’

20-04-2015

Avevano con loro due grossi cacciaviti e una lastrina in plastica dura, spesso utilizzata per l’apertura di porte d’accesso alle abitazioni. I poliziotti del Commissariato di Genzano hanno fermato due ragazze di 16 e 14 anni, di origini rom, che dai successivi accertamenti sono poi risultate essere sorelle, a seguito di una serie di controlli finalizzati al contrasto dei “reati predatori”.

SORELLE CON PRECEDENTI – Gli investigatori, unitamente alla Squadra Anticrimine, avevano preventivamente effettuato una mappatura del territorio evidenziando le aree più a rischio. A seguito delle indagini, quindi, sono così arrivati alle due giovanissime malviventi che secondo accertamenti sono risultate già gravate da precedenti di Polizia, in particolare a carico della 16enne è risultato un precedente arresto per il “reato di furto in abitazione”.

CONTINUANO LE INDAGINI – Pertanto, le due ragazze sono state denunciate alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Roma per i reati di “possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso” e “porto di oggetti atti ad offendere”, e quindi affidate ai famigliari. Nel frattempo le indagini proseguono per verificare se le due minori risultino coinvolte in alcuni furti avvenuti nella zona.

Potrebbe interessarti: http://www.romatoday.it/cronaca/arrestate-sorelle-rom-minorenni-genzano-.html

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Roma

RSS Feed Widget

Lascia un commento