Prato: cinesi ci rubano i soldi dell’Imu, 4miliardi spariti

04-06-2013

All’appello mancano 4 miliardi. E’ questa la somma che manca nelle casse dell’erario secondo la procura di Firenze che indaga su una maxi evasione fiscale di diversi imprenditori cinesi che lavorano nel nostro Paese. Secondo la procura 4 miliardi negli ultimi 5 anni hanno seguito la via della seta fino ad arrivare in Cina. Ovviamente senza lasciare traccia in Italia. Per gli imprenditori cinesi di Prato e provincia l’accusa è di maxi-riciclaggio. Secondo la procura i soldi che mancano nelle casse dello Stato sarebbero stati guadagnati nel nostro Paese daimprenditori cinesi grazie allo sfruttamento di manodopera in nero, alla contraffazione di marchi italiani e soprattutto grazie all’evasione fiscale. Del caso se n’è occupata Repubblica qualche giorno fa ricostruendo le transazioni che dall’Italia partivano per la Cina. Tutti piccoli versamenti da 1999 euro per evitare i controlli che automaticamente scattano per transazioni dai 2000 euro in su.

L’Imu cinese – Ma a vigilare su questo mare di denaro che viaggiava da ovest a est c’era anche la Banca d’Italia che ha ravvisato diversi flussi sospetti negli ultimi anni, soprattutto nel periodo che va dal 2006 al 2010. Da Prato sono partiti in un solo anno 430 milioni di euro. Gli indagati dalla procura di firenze sono 287, in maggioranza sono imprenditori cinesi. Considerando tutto il denaro che dall’Italia è andato a finire nelle banche di Pechino, il conto presentato dalla procura di Firenze fa paura: 4.501.198.227,58 miliardi di euro. Una somma che equivale al gettito dell‘Imu sulla prima casa. In un momento in cui lo Stato ha difficoltà a trovare le risorse per mettere in moto la crescita e con fare invadente svuota le tasche degli italiani, 4 miliardi di euro recuperati dalla presunta evasione degli imprenditori cinesi di certo farebbero comodo. La lotta all’evasione va detto va fatta anche sul fronte interno. Ma considerando i bilanci perennemente in attivo delle aziende cinesi che operano sul nostro territorio, una maggiore attenzione su queste potrebbe arrestare l’illegale fuga di denaro che da Roma porta dritti dritti a Pechino. L’Imu cinese non vorremmo più pagarla. (I.S)

http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/1255530/I-cinesi-evadono-4-miliardi-di-euro—la-stessa-somma-dell-Imu—e-noi-continuiamo-a-pagare.html

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA

RSS Feed Widget

Lascia un commento