Piccolo immigrato spacca bottiglia in testa a ragazzino

08-03-2015

MA COSA avevano combinato i due baby bulli tre giorni prima? Uno dei ragazzi è accusato di lesioni aggravate per aver rotto una bottiglia di birra in testa a un ragazzino durante un litigio. Il secondo di aver estorto qualche decina di euro a un coetaneo dopo averlo minacciato: «Ti pesto». La questura, che tiene monitorato il centro commerciale in cui – nonostante la presenza della security – si spaccia droga e non mancano aggressioni, furti e rapinette tra ragazzi, con il blitz di ieri durato un paio d’ore ha voluto censire i frequentatori e individuare i componenti delle baby gang che vorrebbero dettare legge. Bande composte da ragazzini figli di immigrati. Oltre ai furti, come in ogni centro commerciale, anche al Freccia Rossa, avvengono episodi di violenza e di teppismo. Lì si ritrovano ragazzi che «bruciano» scuola e chi tira sera tra una birra e uno spinello. Ma proprio grazie all’impegno dei gestori del centro commerciale in zona Stazione e a una fitta rete di telecamere e di vigilantes la situazione non è mai degenerata. Le forze dell’ordine vogliono contrastare il fenomeno legato al bullismo, allo spaccio di droga leggera e, stando ai «si dice», anche a presunti episodi di prostituzione. Voci arrivate anche alle forze dell’ordine che accerteranno se si tratta di leggende metropolitane o meno. I contatti tra ragazzi avverrebbero all’interno del centro e gli incontri nei bagni pubblici esterni: una «prestazione» in cambio di una ricarica telefonica.Molto di più di una ragazzata. Sempre che sia vero quanto si racconta.

http://www.bresciaoggi.it/stories/Home/1085512_blitz_nei_guai_due_baby_bulli/?refresh_ce#scroll=1100

ARTICOLI CORRELATI

Brescia, EVIDENZA

RSS Feed Widget

Lascia un commento