Pestaggi contro ragazzina in famiglia multietnica

29-03-2015

Una ragazzina di 13 anni che è stata picchiata dal fratello davanti alla madre compiacente è stata soccorsa dalla polizia – messa in allarme da un medico – che ha arrestato la donna e il giovane e ha denunciato il padre per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. E’ accaduto a Milano nella zona di piazzale Selinunte, quartiere ad alta componente multietnica.

A chiamare la polizia è stata una dottoressa che ha uno studio non distante dal palazzo in cui vive la ragazza, che si è presentata da lei con ferite ed ematomi dopo essere stata picchiata con una doga presa dalla rete di un letto. La donna, una 55enne di nazionalità mauriziana, il marito, un italiano di 58 anni, e il fratello, di 26, sono così finiti nei guai: gli episodi erano ripetuti, a detta dei vicini, tanto che anche la scuola della giovane pare avesse rilevato alcuni problemi.

E proprio la scuola sarebbe stata al centro delle liti, con la ragazza che, a detta dei famigliari, sarebbe stata “svogliata”. E invece di essere aiutata, subiva continue punizioni. In un’occasione, addirittura, la madre avrebbe urlato davanti a testimoni che se non fosse andata a scuola le avrebbe fatto “spezzare le gambe” dal fratello.

http://milano.repubblica.it/cronaca/2015/03/28/news/milano_13enne_maltrattata_perche_va_male_a_scuola_arrestati_la_madre_e_il_fratello_26enne-110692614/

ARTICOLI CORRELATI

Crimini Immigrati, Milano

RSS Feed Widget

Lascia un commento