Padova: donna aggredita e rapinata da marocchino

23-04-2014

PADOVA. L’ha vista scendere dal bus alla fermata, l’ha assalita alle spalle e strattonata fino a farla cadere a terra. Le ha strappato la borsetta dalle mani ed è scappato a piedi. Teresa Lusiani, 73 anni, residente in via Cernaia, è stata aggredita e rapinata a venti metri da casa. Tuttavia il balordo non è riuscito a farla franca. È stato visto e segnalato alla polizia che l’ha bloccato dopo pochi minuti in via Sorio. Hamza Lhasni, 27 anni, marocchino, è finito in manette. È il fratello della ragazzina uccisa il 25 settembre 2004 a Grantorto perché troppo occidentale.
L’aggressione. Mancavano pochi minuti alle 11 e l’anziana, ex dipendente Telecom, moglie di un noto impresario edile di Padova, era appena scesa da un autobus dopo essere stata a fare un ciclo di terapie. «Davanti a me ho visto un brutto e ceffo e infatti ho subito messo la mano sulla borsa» racconta ancora agitata, «pochi istanti dopo che ci siamo incrociati, sono stata aggredita alle spalle. Ha preso la tracolla della mia borsa e io ho cercato di resistere. Mi ha spinto a terra con violenza e, alla fine, è riuscito a rubarmi la borsa». La scena è stata vista da alcuni passanti, prime tra tutte due ragazze che si trovavano dall’altra parte della strada e che non hanno esitato a soccorrere la donna e telefonare al 113. Non solo. Si è fermata anche un’auto con due ragazze a bordo. Una delle due ha visto il rapinatore fuggire verso via Sorio e ha osservato i suoi movimenti. Il malvivente ha svuotato la borsetta dell’anziana prendendo solo il denaro (10 euro), poi si è tolto la felpa e l’ha messa nello zaino per non essere riconosciuto. Ma ormai era troppo tardi. Le segnalazioni della gente hanno messo la polizia sulla strada giusta. Gli agenti della Squadra volante, diretti dal commissario capo Valeria Pace, sono arrivati in poco tempo e hanno intercettato e bloccato il rapinatore proprio in via Sorio. In questura ha confessato tutto e così è scattato l’arresto.
Lo sfogo. «Mi ha fatto del male per dieci euro, ancora non mi sembra vero» ragiona Teresa. «Sono rimasta scioccata dalla sua forza. Un uomo che si trovava sul bus con me ha provato a fermarlo mentre mi strattonava ma per poco non finiva a terra anche lui. Ci tengo a ringraziare tutte le ragazze che mi hanno aiutato e voglio dire grazie anche alla polizia che è arrivata immediatamente e che ha bloccato quella persona».
In ospedale. Teresa Lusiani è stata ricoverata in pronto soccorso e dimessa nel primo pomeriggio con una prognosi di sette giorni per le ferite alla mano, al gomito e al ginocchio.

http://mattinopadova.gelocal.it/cronaca/2014/04/23/news/anziana-rapinata-in-strada-subito-arrestato-il-balordo-1.9094420

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Padova

RSS Feed Widget

Lascia un commento