Ospiti di Pisapia rapinano anziana: in trasferta a Carpi

01-02-2014

Stava per essere compiuto un furto “fotocopia” di quello messo a segno un paio di mesi fa a San Marino: i malviventi fingono di chiedere informazioni a un’anziana e nel frattempo riescono a sfilarle preziosi da collo e dita. Questa volta però la nonna di turno ha reagito, si è messa a urlare e i banditi hanno dovuto rinunciare al colpo. Teatro della vicenda ancora una frazione: Cortile. La pronta reazione dell’anziana ha consentito di far intervenire sul posto la polizia di Stato che assieme ai vigili hanno dato la caccia ai malviventi, rintracciandoli poco dopo. Così la Squadra Volante ha tratto in arresto una banda di nomadi Rom, composta da un uomo e due donne, B.F. di anni 31, M.P. di anni 30 e C.A. di anni 28, per tentato furto aggravato. Tutti sono domiciliati presso un campo nomadi di Milano, dove dimorano oltre un centinaio di Rom. La polizia già da qualche giorno era stata allertata per la presenza di persone sospette nelle varie frazioni cittadine.
Sono così scattati turni straordinari di controllo che hanno dato subito frutto. Ma ecco come sono andate le cose. Verso mezzogiorno di mercoledì scorso i tre nomadi stavano transitando a bordo di un’autovettura di grossa cilindrata, Bmw 320 di colore grigio con targa tedesca, nei pressi di Cortile, quando hanno avvicinato un’anziana signora con la scusa di chiedere un’informazione stradale (avevano detto che dovevano raggiungere l’ospedale per far visita alla loro madre ricoverata in gravi condizioni). Questa, lo ricordiamo, è la stessa identica modalità utilizzata nel furto ai danni di due anziani a S. Marino.
Per ringraziarla delle informazioni ricevute l’hanno fatta avvicinare dicendole di volerla abbracciare e regalarle una catenina d’oro. La stessa si è avvicinata per dire loro di non voler nulla, ma in quel momento è stata tirata verso il finestrino dell’auto per un abbraccio. In quel momento ha sentito anche una mano che stava cercando di sfilarle la catenina che portava al collo. Capite le intenzioni l’anziana ha iniziato a urlare attirando l’attenzione di figli e vicini. I ladri sono così fuggiti abbandonando il colpo. Ora sono in corso indagini per accertare se i tre sono autori di altri colpi nel modenese.
Il dirigente il commissariato, vice questore Ori Emanuela, sottolinea che si tratta di un caso di “pendolarismo criminale”: i ladri arrivano, colpiscono e spariscono rendendo difficili le indagini. Il dirigente invita gli anziani a fare attenzione agli estranei. Infine chi avesse notato la banda è pregato di darne informazioni alla Ps. I riferimenti sono: Bmw con targa tedesca; una donna della banda ha due denti d’oro ben visibili.

http://gazzettadimodena.gelocal.it/cronaca/2014/02/01/news/in-tre-tentano-di-derubarla-ma-lei-urla-e-li-fa-arrestare-1.8577612

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Modena

RSS Feed Widget

Lascia un commento