Ospite Croce Rossa aggredisce donna: bottigliate in testa

20-09-2017

NOVI LIGURE – Un pregiudicato ecuadoriano di 35 anni è stato arrestato dai carabinieri di Novi Ligure per accuse che vanno dalla resistenza alla violenza, dalle lesioni all’oltraggio a pubblico ufficiale, oltre che per porto abusivo di armi.

I militari sono intervenuti su richiesta di una donna di 49 anni, connazionale e conoscente del 35enne, che era stata aggredita per motivi ancora da chiarire. I carabinieri hanno trovato l’uomo in evidente stato di alterazione psicofisica per abuso di sostanze alcoliche. La vittima ha riferito agli uomini dell’Arma che il 35enne aveva dapprima tentato di colpirla lanciandole delle bottiglie di vetro e poi l’aveva afferrata per un braccio per farla cadere a terra.

Durante le operazioni di identificazione, l’uomo ha aggredito verbalmente e fisicamente anche i militari che lo stavano conducendo in caserma, tanto che si è reso necessario l’intervento di altre pattuglie.

Al cittadino ecuadoriano sono stati sequestrati due tirapugni modificati, che calzava su entrambe le mani, considerati dalla legge italiana “armi vietate”. Per questi strumenti, composti da più anelli saldati assieme a un pezzo di ferro, esiste infatti un divieto assoluto di porto, in quanto possono aumentare notevolmente la lesività e la violenza di un pugno.

L’uomo stava scontando un affidamento in prova presso la Croce Rossa di Novi Ligure come misura alternativa alla carcerazione. L’affidamento in prova prevede che il soggetto sia impegnato in una serie di semplici lavori con scopi rieducativi (ad esempio, le pulizie). Le decisioni sull’affidamento in prova spettano al Tribunale di Sorveglianza.

http://novionline.alessandrianews.it/novi-ligure/aggressione-150931.html

ARTICOLI CORRELATI

Alessandria, EVIDENZA

RSS Feed Widget

Lascia un commento