Osa lasciare fidanzato egiziano: 14enne aggredita e quasi sfregiata con acido

02-10-2013

Opera, 2 Ottobre 2013 – Lei lo lascia, lui minaccia di sfregiarla con l’acido. Un’altra inquietante storia di stalking che ha come vittima una 14enne di Opera e come carnefice un 21enne egiziano. Circa un mese fa si erano lasciati ma lui Karam S. 21 enne residente a Milano in zona Ripamonti  non aveva accettato l’interruzione della relazione. L’epilogo,dopo minacce e insulti, ieri pomeriggio quando  ha seguito la ragazzina 14enne sull’autobus che è diventato  teatro di mezzora di vero terrore interrotto solo dall’arrivo dei carabinieri.

La cronaca. Ieri pomeriggio la 14enne operese che frequenta un istituto superiore di Pavia,salita sull’autobus allo stazionamento Minerva si è trovata l’ex che le si è seduto a fianco. Karam S. ha iniziato a molestare la ragazzina con insulti e minacce facendole capire che se non fosse tornata con lui l’avrebbe pagata cara. Ai continui rifiuti lo stalker ha estratto dalla tasca una boccettina e ha detto alla sua vittima che conteneva acido. Sono stati momenti di terrore per la quattordicenne che nonostante la minaccia di venire sfregiata è riuscita a digitare il numero del telefono della madre sul cellulare riuscendo a dire solo poche parole. Infatti il 21enne accortosi della telefonata ha strappato il cellulare di mano schiacciandola contro il finestrino dell’autobus.

La madre della vittima dall’altro capo del telefono fortunatamente è  riuscita a capire che la ragazza era sull’autobus ed era in pericolo e ha chiama i carabinieri. In pochi minuti una gazzella della stazione di Opera si è messa in moto e raggiunto la coppia appena scena dal pullman. I carabinieri hanno immobilizzato il 21enne, risultato poi essere pregiudicato e sequestrato la boccetta che poi è risultato contenere del liquido profumato. Una volta terminato l’incubo la giovanissima vittima, soccorsa per l’evidente stato di choc, ha raccontato che subiva molestie da circa un mese.

http://www.ilgiorno.it/sudmilano/cronaca/2013/10/02/959266-Sfragia-Acido-Ex.shtml

La madre poteva pensarci prima e impedire alla figlia di frequentare un immigrato. Meglio essere chiamati “razzisti” dagli ignoranti di turno che avere una figlia sfregiata.

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Milano

RSS Feed Widget

Lascia un commento