Orrore a Roma: ragazza stuprata da branco di immigrati in pieno centro

10-01-2014

Roma 10 gennaio 2014 – Aggredita nel cuore di Roma. Tra le lussuose vie dello shopping capitolino, tra via Frattina e via Bocca di Leone. Non a notte fonda, in mezzo a strade buie e deserte. Ma alle otto di sera quando quelle strade sono ancora prese d’assalto da turisti e romani. E’ successo ieri sera. Vittima una ragazza di 20 anni, aggredita e molestata da quattro polacchi, tre dei quali sono stati arrestati dagli agenti della polizia municipale del I gruppo dopo un rocambolesco inseguimento. Mentre uno è riuscito a fuggire. Sono passate da poco le otto di sera, due vigilesse in servizio stanno facendo un pattugliamento tra le strade del centro quando tra via Frattina e via Bocca di Leone notano una ragazza accasciata per terra: «Aiutatemi, vi prego, mi hanno appena violentato».

La giovane urla, è ancora sotto choc, non riesce nemmeno ad alzarsi. Nemmeno il tempo di voltarsi: i quattro aggressori, tutti stranieri, sono ancora lì, a pochi metri dalla giovane. Le vigilesse del gruppo partono subito all’inseguimento degli stranieri, cercano di bloccarli ma vengono aggredite. Il tutto avviene sotto gli occhi di passanti e turisti sconvolti. Gli agenti cercano di difendersi usando lo spray al peperoncino, una di loro viene colpita con una cartella. Intanto parte la richiesta di aiuto ad altre pattuglie che arrivano immediatamente sul posto. Dopo una breve colluttazione gli agenti riescono ad avere la meglio e arrestano tre polacchi con l’accusa di violenza sessuale: uno di loro invece riesce a fuggire. I tre aggressori sono stati portati in carcere a disposizione dell’autorità giudiziaria. Le indagini proseguono per il riconoscimento del fuggitivo. La ragazza è stata medicata all’ospedale Santo Spirito con trenta giorni di prognosi.

Fonte: ilmessaggero.it

 

ARTICOLI CORRELATI

Crimini Immigrati, EVIDENZA, Roma

RSS Feed Widget

Lascia un commento