Nigeriano pregiudicato pesta agenti: ai domiciliari

14-01-2016

Nel pomeriggio del 9 gennaio 2016, i Carabinieri della Tenenza di Caltanissetta sono intervenuti, su richiesta di più cittadini al 112, all’esterno del supermercato “Eurospin” di Contrada Bigini di San Cataldo, ove era stato segnalato il comportamento molesto da parte di uno straniero che con la pretesa di ricevere l’elemosina stava infastidendo i clienti del supermercato.

Giunta sul posto la pattuglia di San Cataldo constatava che uno straniero stava litigando con un cliente e con la guardia giurata del supermercato. Alla vista dei militari lo straniero tentava di fuggire per non farsi identificare, ma i Carabinieri riuscivano a bloccarlo. Ciò non calmava l’esagitato che iniziava a colpire i Carabinieri con calci e pugni, il tutto davanti a decine di testimoni. Con l’aiuto di un’altra pattuglia giunta nel frattempo da Caltanissetta, i Carabinieri riuscivano a bloccare e arrestare lo straniero, poi identificato in AKPOKIGHE Emmanuel, nigeriano di 35 anni, pregiudicato. Lo straniero è stato poi ristretto quella sera stessa agli arresti domiciliari per i reati di lesioni personali aggravate e resistenza a Pubblico Ufficiale, mentre due Carabinieri sono dovuti ricorrere alle cure del caso presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Caltanissetta, venendo dimessi con svariati giorni di prognosi a causa delle lesioni riportate.

La mattina seguente AKPOKIGHE è evaso dagli arresti domiciliari e si è recato nuovamente presso il parcheggio del supermercato Eurospin, dove iniziava nuovamente ad infastidire i clienti. Il pregiudicato è stato nuovamente arrestato dai Carabinieri di San Cataldo e Caltanissetta. Questa volta è stato ristretto in carcere a Caltanissetta.

Ieri mattina gli arresti sono stati convalidati e AKPOKIGHE Emmanuel è ancora ristretto in carcere in attesa del processo per direttissima che si svolgerà venerdì mattina.

http://www.acinews.it/web/san-cataldo-arrestato-straniero-che-molestava-clienti-alluscita-del-supermercato/

ARTICOLI CORRELATI

Crimini Immigrati

RSS Feed Widget

Lascia un commento