Modena, Profugo marocchino era spacciatore

01-05-2017

CAMPOSANTO. Un marocchino – M.E. le sue iniziali – è stato arrestato dai carabinieri di San Felice e San Prospero, per possesso di sostanza stupefacente e spaccio. Il fermo è avvenuto giovedì sera nei pressi del bar G di via Panaria Est. Non troppo lontano da dove risulta essere anche residente. L’uomo è stato trovato con una dose di cocaina addosso (all’incirca un grammo e mezzo) e 100 euro in contanti, con ogni probabilità i proventi dell’attività di spaccio. Ipotesi che è stata in seguito confermata, quando i militari hanno fermato un’altra persona che ha ammesso come da tempo fosse cliente del marocchino e si rifornisse abitualmente di droga da lui. Altri cinque clienti poi, individuati dai carabinieri, hanno confermato come ogni tanto comprassero sostanze stupefacenti da lui.
A quel punto per l’uomo sono scattate inevitabilmente le manette. Ieri è stato processato per direttissima in tribunale a Modena e condannato a 10 mesi di reclusione. Anche se la pena è stata sospesa e il marocchino costretto a pagare “solo” un’ammenda di 2400 euro. Questo per via del colpo di scena: l’uomo, infatti, al momento dell’arresto, è stato trovato dai carabinieri con un foglio di richiesta di asilo in tasca. Evidentemente però, in attesa di ricevere lo status di rifugiato politico ha pensato bene di dedicarsi allo spaccio di droga.

http://m.gazzettadimodena.gelocal.it/modena/cronaca/2017/04/29/news/il-richiedente-asilo-spacciava-arrestato-1.15269591

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Modena

RSS Feed Widget

Lascia un commento