Milano, arrestato il maniaco che si masturbava davanti alle ragazzine della scuola: immigrato cingalese

09-05-2017

Da inizio anno si appostava sempre nello stesso posto e sempre negli stessi giorni. Poi, al passaggio delle ragazzine e dei ragazzini, iniziava il suo orrendo show. Quindi, una volta finito, faceva perdere le proprie tracce, prima di tornare a colpire ancora.

È stato fermato e arrestato dalla polizia locale di San Donato il maniaco che da gennaio si nascondeva nei pressi del sottopassaggio di via Di Vittorio masturbandosi al passaggio dei giovani studenti.

A mettere gli agenti sulle tracce dell’uomo – un quarantaquattrenne cingalese, incensurato – è stato l’allarme lanciato venerdì dalla madre di una ragazzina della scuola media Galilei sul gruppo Facebook “Sei di San Donato Milanese se”.

Quando il comandante della Locale, Fabio Allais, ha letto le parole della donna ha deciso di entrare in azione e di effettuare un primo sopralluogo in borghese. Poi, lui stesso ha convocato in comando la signora e altre ragazzine – tutte tredicenni – per raccogliere le loro testimonianze e ottenere indizi utili sul molestatore.

Quindi, martedì mattina i vigili si sono ripresentati nel sottopassaggio e hanno colto il maniaco in flagrante. Dopo un brevissimo inseguimento, il quarantaquattrenne è stato arrestato: mercoledì mattina sarà processato per direttissima con l’accusa di atti osceni in luogo pubblico.

Gli stessi agenti della polizia locale sono convinti che siano almeno dieci i casi in cui il maniaco si è masturbato guardando gli studenti e sotto gli occhi dei ragazzini. L’uomo, hanno accertato i vigili, si nascondeva a giorni fissi tra gli alberi sopra il sottopassaggio Parri-Greppi, passaggio obbligatorio per tutti i ragazzi che da via Di Vittorio devono arrivare alla scuola media Galilei.

Proprio lì, martedì mattina alle 7.30, il comandante Allais e i suoi uomini lo hanno fermato.

Potrebbe interessarti: http://sandonato.milanotoday.it/arrestato-maniaco-scuola.html

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Milano

RSS Feed Widget

Lascia un commento