Migrante insegue studentesse con il pene in mano, folla lo cattura

25-10-2017

Si masturba davanti a studentesse in viale Appio Claudio, agenti lo salvano da linciaggio e lo arrestano

E’ stato picchiato in strada per poi essere salvato dal linciaggio ad opera di un gruppo di cittadini inferociti. Motivo delle violenze: gli atti osceni che il giovane aveva appena compiuto nei confronti di due studentesse, inseguite dall’uomo mentre era intento a masturbarsi, con le due minorenni e costrette a fuggire impaurite all’interno di un bar. Poi l’aggressione ed il salvataggio da parte degli agenti di polizia. I fatti intorno alle 7:30 di ieri 24 ottobre, in zona Appio Claudio.

Atti osceni all’Appio Claudio

Gli atti osceni si sono consumati in viale Appio Claudio. Qui l’uomo, incurante dei passanti, si è abbassato la patta dei pantaloni ed ha cominciato a masturbarsi sul marciapiede. I fatti in una strada trafficata dove numerosi studenti passano per recarsi, nelle prime ore del mattino, in due istituti scolastici vicino.

Studentesse inseguite

Proprio mentre faceva dell’autoerotismo, il maniaco ha puntato due studentesse. Invitate a guardarlo mentre si masturbava le due minorenni sono fuggite impaurite urlando, mentre il giovane ha cominciato ad inseguirle con ancora il membro in mano. Le due minorenni sono poi riuscite a rifugiarsi all’interno di un bar dell’Appio Claudio, ancora sotto choc.

Linciaggio all’Appio Claudio

Fermo sul marciapiede della strada poco distante dal Parco degli Acquedotti, ancora nell’atto di masturbarsi, alcuni passanti, udite le grida e le richieste di aiuto delle due studentesse, si sono scagliati contro l’uomo, iniziando a colpirlo con calci e pugni. Nel frattempo hanno cominciato a giungere al 112 numerose segnalazioni dei cittadini che indicavano la presenza di un uomo a terra.

Salvato dal linciaggio ed arrestato

Sul posto sono quindi arrivati gli agenti del Reparto Volanti della polizia e del commissariato Tuscolano. Arrivati in viale Appio Claudio hanno trovato un gruppo di persone in stato di agitazione attorno all’uomo. Lo stesso era riverso in terra, con delle ferite al volto, la patta ancora abbassata ed il membro di fuori. Allontanata la folla inferocita e salvato il giovane dal linciaggio, il maniaco è stato affidato alle cure dell’ambulanza del 118 che lo ha trasportato all’ospedale Vannini.

Atti osceni in luogo pubblico

Accompagnato all’ospedale Figlie di San Camillo, dove è stato ricoverato con 30 giorni di prognosi, l’uomo è stato poi identificato in un cittadino di 28 anni del Bangladesh. Lo stesso è stato poi arrestato per atti osceni in luogo pubblico alla presenza di minori. Accertamenti sulle persone che lo hanno aggredito. Sul caso indagano gli agenti del commissariato Tuscolano.

Potrebbe interessarti: http://www.romatoday.it/cronaca/linciaggio-appio-claudio-atti-osceni-studentesse.html

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Roma

RSS Feed Widget

2 comments on “Migrante insegue studentesse con il pene in mano, folla lo cattura

  1. mann333 scrive:

    Adesso innanzitutto i Cittadini Italiani che hanno ( curato ) la ( risorsa umana) che si e’ reso colpevole di quegli atti osceni dinnanzi a minorenni saranno accusati di pestaggio da qualche Procuratore buonista di sinistra, mentre il bastardo probabilmente verrà premiato con il rilascio del permesso di Soggiorno: Questi bastardi di extracomunitari non hanno ormai nulla da temere dalla “” Giustizia”” Italiana la quale si mostra troppo accondiscendente verso gli extracomunitari percui questi non hanno da che temere. Vorrei fare un grande plauso a quei Cittadini Italiani che hanno cercato di linciare quel bastardo figlio di cagna, mi compiaccio con voi siete trà i rari Cittadini Italiani che hanno detto basta a questi illegali che credono di poter comportarsi come farebbero nelle loro patrie di merda zulù

  2. mann333 scrive:

    Adesso mi aspetto che qualche IPOCRITA politico ( e sono in tanti gli ipocriti in Italia) per farsi pubblicità gli trovi qualche Avvocato bastardo quanto lui per difenderlo e magari chiedere anche i danni

Lascia un commento