LODI, IMMIGRATO ACCOLTELLA CAPOTRENO: “SONO MIGRANTE NON PUOI CONTROLLARMI”

19-07-2017

Continua a scorrere il sangue sui treni. Questa mattina un controllore di 45 anni è stato ferito con una coltellata da uno straniero che ha dato in escandescenze quando è stato fermato per un controllo.

È successo all’altezza di Santo Stefano Lodigiano mentre il convoglio stava procedendo a tutta velocità verso Codogno. Nonostante il parapiglia che si è creato l’aggressore è riuscito a far perdere le proprie tracce e al momento è ricercato dalle forze dell’ordine.

trenord3

La follia dell’aggressore è esplosa quando gli è stato chiesto di mostrare il biglietto del treno. Dal nulla il controllore si è visto arrivare addosso, con tutta la violenza possibile, un fendente netto. Fortunamente è stato pronto a parare il colpo facendosi scudo col braccio. Tanto che lo straniero, anziché raggiungerlo all’addome dove voleva conficcargli la lama, l’ha colpito sulla mano. All’arrivo dei soccorritori alla stazione di Codogno, come ricostruisce Repubblica, è stato portato in ospedale da un’ambulanza. Le sue condizioni non sono gravi, ma i sanitari hanno dovuto rimuovere il coltello che gli era stato conficcato nella mano destra dall’aggressore. “La lama dell’arma – hanno spiegato i medici dell’ospedale di Codogno – era riuscita a passare la mano da parte a parte”.

Poliziotti e carabinieri sono subito intervenuti sul luogo dell’aggressione. E adesso si sono messi sulle tracce dell’aggressore, descritto dal controllore come “un uomo di colore”, che si è dato alla fuga subito dopo l’accoltellamento. Secondo una prima ricostruzione degli inquirenti sarebbe, infatti, riuscito ad aprire le porte del treno mentre il convoglio stava arrivando alla stazione di Santo Stefano Lodigiano.

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/lodi-ancora-sangue-sui-treni-straniero-accoltella-1422014.html

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Lodi

RSS Feed Widget

One comment on “LODI, IMMIGRATO ACCOLTELLA CAPOTRENO: “SONO MIGRANTE NON PUOI CONTROLLARMI”

  1. mann333 scrive:

    La colpa di tutte queste aggressioni è anche della Giustizia Italiana perchè ogni qualvolta capita che il bastardo negro o meno viene arrestato subito dopo viene rimesso in Libertà da questa altrettanto bastardi Giudici complici. Compiere atti di violenza contro Giudici che rimettono in Libertà questi bastardi non è reato.Invito chiunque a compiere questi

Lascia un commento