Lo trovano mentre massacra di botte la moglie

08-04-2015

Verso le quattro di questa notte, i Carabinieri della Stazione di Locri hanno arrestato in flagranza di reato, per “maltrattamenti in famiglia”, Hammoukhoya Mounir, disoccupato 37enne di origine marocchina. Alle prime ore dell’alba, l’uomo, dopo aver ripetutamente percosso la moglie, sua connazionale, nel corso dell’ennesima lite per futili motivi, l’ha minacciata di morte. Solo grazie all’immediato intervento dei Carabinieri, allertati dalla donna tramite 112, si è riusciti a evitare conseguenze più gravi per la povera vittima, la quale, in evidente stato di shock, è stata trasportata presso l’ospedale civile di Locri, dove i medici le hanno riscontrato ferite multiple ed escoriazioni in varie parti del corpo, poi giudicate guaribili in 5 giorni. Nella circostanza, la donna, tra le lacrime, ha confidato ai militari operanti di essere da tempo vittima delle angherie e di ripetuti episodi di violenza da parte del marito, a suo dire iniziati ai primi del 2012, rivelando un’esperienza di continue condotte minacciose, umilianti, vessatorie e violente tra le mura domestiche, mai denunciate alle Autorità per paura di più gravi ritorsioni.

A seguito dell’occorso, l’arrestato è stato ristretto presso la Casa Circondariale di Locri, come disposto dal Pubblico Ministero di turno presso la locale Procura della Repubblica, Dottor Vincenzo Toscano.

http://www.strettoweb.com/2015/04/reggio-arrestato-marocchino-scoperto-percuotere-violenza-moglie-stava-ammazzando-foto/265366/

ARTICOLI CORRELATI

Crimini Immigrati, Reggio Calabria

RSS Feed Widget

Lascia un commento