Lo pestarono fino a fratturargli il cranio: erano stati due romeni

18-04-2014

Venne massacrato di botte l’8 dicembre scorso: calci e pugni in faccia che gli procurarono lesioni gravissime con un trauma maxillo-facciale con frattura dell’orbita destra.
Così nei giorni scorsi, dopo indagini da parte della polizia , per il pestaggio al Timbo Tambo sono stati indagati due giovani: si tratta di due rumeni di ventotto e ventisei anni che assieme ad un terzo connazionale, secondo la ricostruzione della Polizia, avevano colpito a calci e pugni il ragazzo del Ghana procurandogli una frattura al viso.
Il pestaggio si registrò nella zona di via Oroboni, nei pressi del locale Timbo Tambo che si trova proprio in quella via. La vittima era stata aggredita da tre giovani rumeni che lo avevano colpito con calci e pugni al volto. Per le lesioni subìte, trauma maxillo facciale con frattura dell’orbita destra, l’uomo avrebbe dovuto essere operato ma lui aveva rifiutato. Le indagini da parte della polizia hanno permesso l’identificazione di due degli assessori, riconosciuti dalla stessa vittima dalle fotografie.

http://lanuovaferrara.gelocal.it/cronaca/2014/04/17/news/massacrato-di-botte-da-due-romeni-1.9069137

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Fermo

RSS Feed Widget

Lascia un commento