“L’immigrato delle risse”: ecuadoriano pluripregiudicato aggredisce vicino brandendo una bottiglia di vetro, espulso.

01-12-2014

mannaiamilano

L’uomo delle risse di via del Macello è stato cacciato: espulso dopo 10 anni da clandestino

Dieci giorni fa la Polizia lo aveva arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e denunciato per minacce e ingiurie al vicino di casa. Era ubriaco e da qualche minuto tentava, senza riuscirci, di aprire il portone di ingresso dello stabile dove viveva nella zona di Fontivegge; il suo vicino, gli si era avvicinato e gli aveva detto di fare attenzione, altrimenti avrebbe finito col danneggiarne la serratura.

Lui, ecuadoriano del 1981, ha reagito insultandolo pesantemente; poi, non pago, brandendo minacciosamente una bottiglia di vetro, dopo averlo riconosciuto lo ha anche minacciato, dicendogli di stare in guardia, visto che conosceva bene sia lui che la sua famiglia. All’arrivo della Volante, l’ecuadoriano ha peggiorato le cose insultando tutti gli agenti accorsi sul posto, poi li ha aggrediti a calci e pugni.

L’ennesima bravata pericolosa però gli è costata la permanenza a Perugia e in Italia: e così ieri pomeriggio ha lasciato definitivamente la città, dopo 10 anni di clandestinità, per essere rimpatriato nel suo Paese d’origine. La pericolosità sociale dell’uomo era stata accertata sia dalle sue frequentazioni che dalle molte richieste di espulsione mai prese in considerazione volontariamente: era uno dei violenti autori di molte risse in via del Macello.

http://www.perugiatoday.it/cronaca/via-del-macello-espulso-clandestino-violento.html

ARTICOLI CORRELATI

Crimini Immigrati, Perugia

RSS Feed Widget

Lascia un commento