Incinta si ribella a furto: massacrata a calci e pugni da Albanesi

14-09-2016

Picchia una donna incinta sul treno dopo che si era ribellata al furto del telefonino. Un albanese di 23 anni è stato arrestato dai carabinieri di Chiari (Brescia) per rapina e lesioni personali.

La donna, al nono mese di gravidanza, è stata ricoverata in ospedale dopo le botte. La donna è stata colpita con calci e pugni dal 23.enne albanese che con un complice aveva strappato di mano alla donna il cellulare.

http://www.cdt.ch/mondo/cronaca/162971/si-ribella-al-furto-botte-a-una-donna-al-9-mese-di-gravidanza

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA

RSS Feed Widget

Lascia un commento