IMMIGRATO SFREGIA RAGAZZINI ARMATO DI BOTTIGLIA ROTTA

09-08-2017

Quattro giovanissimi finiti in ospedale e uno straniero di 33 anni in manette. È il bilancio di una violenta aggressione che si è consumata intorno alle 22 di ieri sera a Bagnoli, nei pressi della fermata Agnano della Cumana.

I ragazzi, quattro minorenni e uno di 18 anni compiuti da poco, erano seduti al tavolino esterno di un locale quando è arrivato un altro giovane, successivamente identificato come Mohamed Refi, tunisino senza fissa dimora. Palesemente ubriaco, ha cominciato a infastidirli blaterando qualcosa di incomprensibile. I ragazzi si sono alzati e hanno cercato di allontanarsi ma l’extracomunitario li ha seguiti e, dopo aver spaccato su un palo una bottiglia, li ha aggrediti. Uno dei giovani è stato ferito all’ascella, un altro al volto, il terzo ha riportato diversi tagli su tutto il corpo e l’unico maggiorenne delle escoriazioni all’addome; sono stati accompagnati da alcuni passanti al pronto soccorso dell’ospedale San Paolo, dove successivamente è arrivata la volante del commissariato San Paolo.

Subito dopo l’aggressione il tunisino è scappato. È stato ritrovato dagli agenti del commissariato Bagnoli, agli ordini del dirigente Raffaele Pelliccia, che erano intervenuti in via Nuova Bagnoli su segnalazione di rissa. Supportati nelle ricerche da una volante dell’Ufficio Prevenzione Generale della questura, coordinato dal dirigente Michele Spina, i poliziotti lo hanno trovato circa mezz’ora dopo: coperto di sangue e in stato confusionale, si era nascosto nel cortile interno di uno stabile di via Diocleziano.

Refi è stato trasportato all’ospedale Fatebenefratelli da una pattuglia del commissariato Pianura e dimesso con dieci giorni di prognosi; per lui è scattato l’arresto, le accuse sono di tentato omicidio nei confronti del ragazzo ferito al petto e lesioni aggravate per gli quattro.

http://www.ilmattino.it/napoli/cronaca/napoli_tunisino_aggredisce_giovani_bottigliate-2609505.html

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Napoli

RSS Feed Widget

Lascia un commento