Collaborazionisti: tra i 25 indagati a Crotone, anche dipendente Prefettura

01-08-2013


Online-News
Una persona è stata arrestata e altre 25 risultano indagate nell’ambito di un’operazione dei carabinieri della Compagnia di Crotone, scattata stamane al termine di un’indagine avviata nel luglio 2012 a dalla Stazione carabinieri di Cutro (KR), sull’immigrazione clandestina. L’operazione è stata denominata convenzionalmente “Discovery”. L’arrestato è un cittadino indiano di 45 anni, Attar Singh, residente a Cutro (KR) da circa 8 anni. L’uomo è ritenuto responsabile del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e della permanenza nel territorio nazionale di cittadini privi di permesso di soggiorno o comunque irregolari. Tra gli indagati anche una dipendente della prefettura di Crotone, che unitamente al marito, secondo le investigazioni, risponderebbe del reato in concorso con l’arrestato.
Nella mattinata sono stati notificati 25 avvisi di conclusione delle indagini preliminari ad altrettante persone. Fra di loro 13 italiani originari di Cutro e Crotone, tra cui imprenditori edili e agricoli, e i restanti di nazionalità indiana: avrebbero concorso nel reato di favoreggiamento della permanenza illegale nel territorio dello stato di cittadini di nazionalità indiana. Tra gli indagati anche una dipendente della prefettura di Crotone, che unitamente al marito, secondo le investigazioni, risponderebbe del reato in concorso con l’arrestato. Al vaglio degli investigatori anche il possibile coinvolgimento di dipendenti di altri uffici pubblici o enti del crotonese, dove sono state effettuate verifiche e perquisizioni dai Militari dell’Arma. L’indagine, iniziata nel mese di luglio 2012 sulla base dell’analisi di documenti amministrativi sospetti riguardanti il Attar (cessioni di fabbricato, e assunzioni lavorative), ha poi consentito, grazie a intercettazioni telefoniche e video, di comprenderne il progetto criminoso che consisteva nel reclutare persone disposte a figurare falsamente come datori di lavoro (da qui la notifica di avviso di garanzia ai 25 indagati) di cittadini extracomunitari per conto dei quali venivano presentate domande di emersione da lavoro irregolare in base alla legge di sanatoria. Sarebbero emersi anche ruoli di collaborazione da parte di personaggi non ancora tutti identificati relativamente alla trasmissione telematica di domande di assunzione fittizia di datori di lavoro compiacenti personalmente presentate dal cittadino indiano presso patronati o consulenti fiscali, e l’attribuzione in favore di cittadini extracomunitari di codici fiscali fatti figurare come emessi in data anteriore al 31 dicembre 2011. Condizione quest’ultima utile ai fini di sanatoria. L’arresto di Singh Attar è stato eseguito a Stalettì (Catanzaro), dove l’indagato aveva trovato rifugio e occupazione da qualche mese. Al termine delle formalità di rito, l’arrestato è stato associato al carcere di Crotone.
Favoreggiamento dell’immigrazione, Cutro: indiano in manette, 25 CN24TVtutte le notizie (2) »

 

Di cosa meravigliarsi, ci sono collaborazionisti anche al governo e ai vertici del Parlamento. Quelli, quando li arrestano?

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA

RSS Feed Widget

Lascia un commento