Il portiere d’albergo è Bengalese, la turista viene violentata nell’ascensore

13-05-2017

Ai polsi del bengalese, arrestato per violenza sessuale, sono scattate le manette.

La donna è rimasta vittima delle avancens di un portiere d’albergo, finito in manette per il reato di violenza sessuale.

Nella tarda serata di venerdì 12 maggio, la donna aveva deciso di fare una passeggiata per le strade della città eterna, così è uscita dall’albergo presso cui alloggiava situato in pieno centro, e ha consegnato le chiavi della stanza in reception. Una brutta sorpresa però l’ha attesa al suo rientro. Ha trovato nella hall solo il 33enne, che dopo averle consegnato le chiavi l’ha seguita fino all’ascensore cercando di stringerle la mano per attirarla a se, abbracciandola quindi contro la sua volontà.

La donna, spaventata, è riuscita ad entrare in ascensore dove l’aggressore l’ha raggiunta e dicendole quanto fosse bella e sexy, le ha palpeggiato la schiena, le cosce e i glutei.

La vittima è riuscita a fuggire e una volta nella sua stanza, terrorizzata da quanto accaduto, ha telefonato ad un amico, raccontando appunto di essere stata aggredita. L’uomo, a quel punto, le ha consigliato di chiedere aiuto alla Polizia di Stato e così ha fatto.

Sul posto sono giunti gli uomini del commissariato Trevi che, dopo alcune resistenze da parte del portiere apparso immediatamente nervoso, sono saliti in stanza e hanno trovato la donna ancora sconvolta che ha raccontato l’accaduto. Gli agenti hanno trovato conferma alle parole della turista americana grazie alla visione delle telecamere di sorveglianza poste sopra la reception.

Ai polsi del bengalese, arrestato per violenza sessuale, sono scattate le manette.

Potrebbe interessarti: http://www.romatoday.it/cronaca/violenza-sessuale-turista-americana.html

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Roma

RSS Feed Widget

Lascia un commento