Entrano in casa in pieno giorno e la pestano a sangue: presa a calci e pugni in testa

13-12-2014

Spinta a terra e picchiata da due rapinatori mentre rientrava a casa. Vittima della violenza una professoressa della scuola media Maiuri. La donna è stata aggredita a mezzogiorno, mentre apriva la porta del suo appartamento nel centralissimo viale Mazzini: due uomini con volto scoperto l’hanno sorpresa alle spalle, spinta e colpita con calci e pugni al viso e su tutto il corpo.
L’insegnante è rimasta sul pavimento per circa un’ora, sanguinante e dolorante, mentre i malviventi svaligiavano l’appartamento. «Non urlare altrimenti sei morta», le dicevano con forte accento straniero. La professoressa, molto nota in città per il suo lavoro di insegnante e per l’attiva partecipazione agli eventi di raccolta fondi per beneficenza, non ha fiatato temendo di essere uccisa.

I due balordi, presi gli oggetti di valore trovati nell’appartamento, sono fuggiti via. Ma solo mezz’ora più tardi la donna ha trovato la forza e il coraggio di alzarsi per chiedere aiuto: aveva paura che tornassero indietro per picchiarla ancora. Soccorsa dai carabinieri è stata trasportata al pronto soccorso dell’ospedale San Leonardo di Castellammare. I medici le hanno riscontrato lesioni alla testa, al volto e su tutto il corpo. La prognosi è di quindici giorni.

http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/CRONACA/pompei_rapina_casa_arancia_meccanica_professoressa/notizie/1064940.shtml

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Napoli

RSS Feed Widget

Lascia un commento