Egiziano prende a morsi agenti

20-06-2015

Li hanno osservati a lungo. Li hanno seguiti durante i loro sopralluoghi. E una volta che sono entrati in azione, si sono fatti trovare pronti, già sul posto.

I carabinieri della compagnia di Desio, nel pomeriggio di giovedì, hanno arrestato in flagranza di reato C.F., italiano, e H.M., egiziano di ventisette anni, entrambi pluripregiudicati. I due sono stati fermati dai militari subito dopo aver compiuto una rapina a mano armata in una farmacia di Garbagnate milanese.

Erano giorni, infatti, che i due arrestati venivano pedinati dai carabinieri, che li hanno osservati anche durante i vari sopralluoghi per scegliere l’obiettivo da colpire. Una volta individuata la farmacia, gli uomini dell’arma non hanno dovuto far altro che attendere all’esterno, assistere alla rapina e bloccare – non senza fatica – i due malviventi.

Mentre il complice italiano fungeva da palo, attendendo in auto all’uscita del locale, l’egiziano – col volto coperto da cappello e occhiali -, è entrato nella farmacia e, pistola in pugno, ha messo a segno la rapina.

In strada, però, ha trovato ad aspettarlo le pattuglie dell’arma. Nonostante i graffi e i morsi sferrati dall’uomo ai militari, i carabinieri sono riusciti a bloccarlo e ad arrestarlo. Stessa sorte è toccata all’italiano, che – dopo un tentativo di allontanarsi in auto – è finito in manette.

Potrebbe interessarti: http://www.monzatoday.it/cronaca/rapina-farmacia-garbagnate-milanese-arresti.html

Dietro l’invasione, c’è sempre un ‘palo’ italiano. Boldrini docet.

ARTICOLI CORRELATI

Crimini Immigrati, Monza

RSS Feed Widget

Lascia un commento