Effetto “domiciliari”: nuovo tentato stupro nella Bergamasca

16-01-2013

Il Pubblico Ministero F.Dettori

È stata aggredita da un immigrato, che le ha messo le mani addosso. Ma la vittima, una giovane trevigliese, ha avuto la prontezza di riflessi di mettersi a urlare: le sue grida hanno richiamato l’attenzione di alcuni residenti e l’aggressore è così scappato. Il fatto, che avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi e che si è invece e fortunatamente risolto soltanto con un grosso spavento per la vittima, si è verificato domenica pomeriggio in via Locatelli a Treviglio, una strada a senso unico che collega la cosiddetta circonvallazione interna (quella che racchiude al suo interno tutto il centro storico) con quella esterna, all’altezza di viale Piave. La ragazza, che vive a Treviglio, stava camminando a piedi quando si è accorta di essere seguita da un uomo – a suo dire extracomunitario – che, poco più avanti, le ha messo le mani addosso: la giovane non ha trattenuto le urla e dai palazzi che si affacciano sulla strada si sono subito affacciati alcuni residenti, poi scesi anche nella via per capire l’accaduto. Così il malvivente si è dato alla fuga e ha fatto perdere le proprie tracce, dirigendosi verso la periferia.

http://www.ecodibergamo.it/stories/Cronaca/774690/

 

Uncategorized

Lascia un Commento