Donna sgozzata in centro profughi da immigrato

02-01-2018

E’ stata uccisa la notte scorsa all’interno del centro d’accoglienza per richiedenti asilo di Mineo. L’omicida, secondo le prime indiscrezioni raccolte da MeridioNews, avrebbe agito impugnando un coltello, utilizzato per colpire la sua vittima all’altezza della gola.

La donna, che avrebbe un’età compresa tra 25 e 30 anni, era madre di due bambini, arrivata in Sicilia a dicembre 2016. A trovarla, a quanto pare già senza vita, sono stati alcuni volontari della Croce rossa che lavorano all’interno del centro. L’autore del delitto, che non è un ospite del Cara, è un uomo proveniente dal Mali, arrivato nell’Isola dal Nord Italia. Dopo avere commesso il delitto, a quanto pare davanti gli occhi dei figli della vittima, l’uomo si è allontanato da Mineo cercando di fuggire, ma è stato arrestato dopo alcune ore a una fermata degli autobus a Catania.

http://catania.meridionews.it/articolo/61774/cara-mineo-sgozzata-donna-allinterno-della-struttura-assassino-arrestato-Catania-/

Adesso gli inquirenti, con il caso affidato dalla procura di Caltagirone alla polizia, sono a lavoro per cercare di mettere insieme i pezzi di questo rebus per capirne principalmente il movente. L’ipotesi più accreditata è quella del delitto al culmine di una lite.

ARTICOLI CORRELATI

Catania, EVIDENZA

RSS Feed Widget

Lascia un commento