COMO: SMARTPHONE RUBATI NEL CENTRO PROFUGHI

10-12-2016

FacebookTwitterGoogle+WhatsAppOknotizieCondividi
Alta tensione al centro migranti

Tutto per sette cellulari rubati

Intervento della polizia per riportare la calma tra i profughi. Tre di loro denunciati a piede libero per furto, restituiti i telefoni

Como

Alta tensione l’altro pomeriggio all’interno del centro migranti gestito da Caritas, Cri e prefettura in via Regina Teodolinda. Secondo quanto ricostruito in queste ore, la polizia – per l’esattezza alcuni agenti del reparto celere di servizio alla stazione di Como San Giovanni – sono dovuti intervenire all’interno del centro per riportare la calma al culmine di una brutta mezz’ora di discussioni. La tensione – senza che per fortuna nessuno passasse alle vie di fatto, anche se a quanto pare c’è mancato poco -, la tensione è salita in seguito alla sparizione di sette telefoni cellulari, di proprietà di altrettanti ospiti che agli agenti hanno subito indicato i sospetti. Si trattava, e si tratta, di tre migranti, due originari del Gambia, uno della Nuova Guinea (uno dei tre è anche componente la folta pattuglia di ospiti minorenni del centro), che i poliziotti hanno caricato in auto e trasferito in questura, anche per sottrarli alla rabbia degli altri, nel tentativo, riuscitissimo, di riportare la calma. I telefoni sono stati recuperati pochi minuti più tardi, al termine di un rapido interrogatorio concluso con l’unico esito possibile, e cioè la denuncia a piede libero per furto nei confronti dei tre. La restituzione della refurtiva è coincisa con l’immediato ritorno della calma.

http://www.laprovinciadicomo.it/stories/como-citta/alta-tensione-al-centro-migranti-tutto-per-sette-cellulari-rubati_1214642_11/

ARTICOLI CORRELATI

Como, EVIDENZA

Lascia un commento