Category: Termoli

Giovane migrante stupra 80enne italiana

https://www.primonumero.it/2021/11/rapino-e-violento-unanziana-in-casa-incastrato-e-arrestato-28enne/1530698169/

Presa a pugni e violentata

https://www.termolionline.it/news/cronaca/1057899/caccia-aperta-delle-forze-dellordine-dopo-il-tentato-stupro-nel-sottopasso-degradato

Armati di bastone a caccia di italiani

I Carabinieri di Termoli hanno arrestato due fratelli albanesi residenti a Portocannone.

Qunado i militari dell’Arma sono arrivati sul posto dove era stati segnalato un assembramento di persone hanno trovato il 28enne armato di bastone che cercava di colpire le persone presenti, circa una trentina.

Dopo vani tentativi di far desistere il giovane, i militari sono stati costretti a intervenire per disarmarlo, riuscendo però ad immobilizzarlo ed ammanettarlo solo dopo una colluttazione causata dalla resistenza fisica opposta dall’uomo.

A quel punto, mentre le circa 30 persone si stavano allontanando velocemente dal luogo dell’evento, il fratello 21enne dell’arrestato, ha aggredito fisicamente uno dei Carabinieri con calci e spintoni procurandogli delle lesioni, fortunatamente non gravi, prima di dileguarsi per le vie limitrofe.

L’aggressore però, in seguito alle ricerche avviate immediatamente, è stato presto rintracciato e tratto in arresto.

Il bastone in legno della lunghezza di 90 centimetri, utilizzato dal fratello più grande, è stato sequestrato mentre i due fratelli, acclarate le loro oggetti responsabilità penali in merito all’accaduto, sono stati entrambi tratti in arresto in flagranza dei reati di concorso in lesioni personali, violenza e resistenza a Pubblici Ufficiali nonché porto di armi od oggetti atti ad offendere (ai sensi degli articoli 110, 582, 336 e 337 del Codice Penale e dell’articolo 4 della Legge 110/1975), venendo quindi condotti presso le rispettive abitazioni di residenza in regime di arresti domiciliari.

A seguito di convalida degli arresti, legittimamente effettuati, i due fratelli sono stati rimessi in libertà dalla competente Autorità Giudiziaria di Larino (CB), in assenza di ulteriori esigenze di natura cautelare.

Nel medesimo contesto operativo, a carico dei due sono state anche irrogate altrettante sanzioni amministrative dell’importo di euro 400,00 ciascuna per violazione della vigente normativa in materia di “Covid-19”, ai sensi dell’articolo 4 comma 1° del Decreto Legge n. 19 del 25 marzo 2020.

Rissa tra immigrati, bimba afferrata e scaraventata a terra

Rissa tra immigrati in centro, bimba afferrata e scaraventata a terra

Una zuffa tra immigrati ha costretto a intervenire sia la pattuglia dell’Arma dei Carabinieri, sia il 118 coi volontari della Misericordia di Termoli in ambulanza.

Lite per l’elemosina, profugo accoltella africano

Il migrante protagonista ieri di un accoltellamento a Vasto, era ospite in un centro accoglienza di Termoli.

Treno da incubo: 20 immigrati aggrediscono capotreno donna

Lunghi momenti di terrore sul treno che da Termoli porta a Pescara. Il controllore del convoglio, una donna, è stata aggredita e insultata da 20 migranti.

Quando la donna è entrata nel vagone dove c’erano i migranti ha chiesto loro il biglietto, sentendosi rispondere con una sonora risata. Poi sono iniziati gli insulti e le scorribande degli extracomunitiari. A testimoniare la vicenda una giornalista presente nel momento delle aggressioni. “Sono salita alla stazione di Vasto-San Salvo e il treno era affollato da migranti provenienti da Termoli e diretti a Pescara – spiga la signora al Centro – Il capotreno, una donna, ha chiesto il biglietto a tutti i passeggeri. Da parte dei migranti ha ricevuto in risposta una risata beffarda. La capotreno ha insistito e a quel punto è stata aggredita verbalmente”.

Non solo. Convinti di rimanere impuniti, i migranti hanno pure sbeffeggiato i presenti e il controllore. Secondo quanto raccontato da alcuni dei presenti al Centro, infatti, gli immigrati “ridevano e facevano quello che volevano. Più di una volta hanno ripetuto che tanto nessuno li avrebbe puniti”. Una storia choc che si va ad aggiungere a quelle provenienti da Bassano del Grappa, dove tre giorni fa la baby gand di nordafricani è tornata a colpire dopo che già ad inizio ottobre aveva seminato il panico in un treno proveniente da Venezia e in un supermercato della zona.

Dopo che il controllore ha allertato la polizia, i migranti si sono dati alle scorribande. “Diversi pendolari con l’abbonamento sono rimasti in piedi, negli angoli, spaventati – racconta ancora la giornalista – A Lanciano è salito un altro capotreno ma anche altri nordafricani e la scena è stata la stessa. Da solo, il controllore non ha potuto tenere testa a tanti uomini che lo fronteggiavano rifiutandosi di pagare il biglietto. È stato davvero terribile viaggiare con persone che sembravano fuori controllo. Confesso di avere avuto paura come del resto tutte le persone su quel quel treno. Ritengo e spero che a Pescara, il gruppo abbia trovato ad attenderli la Polfer e che nei loro confronti siano stati adottati adeguati provvedimenti”.

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/vasto-treno-bal-dei-migranti-20-aggrediscono-donna-1454660.html

Teramo, notte di follia al pronto soccorso: romeno ubriaco spacca tutto


Il Martino (Satira) (Comunicati Stampa) (Blog)

Teramo, notte di follia al pronto soccorso: romeno ubriaco …
Il Martino (Satira) (Comunicati Stampa) (Blog)
Teramo. Completamente ubriaco, dopo aver creato problemi all'equipaggio di un'ambulanza, un 35enne romeno ha messo a soqquadro il pronto soccorso dell'ospedale Mazzini di Teramo, rifiutando ogni intervento medico e aggredendo anche i carabinieri …
Bellante, ubriaco-violento aggredisce medici e carabinieri: bloccato …CityRumors.it
Ubriaco mette a soqquadro il pronto soccorso e ferisce due Cc …emmelle.it

tutte le notizie (9) »

Albanese sventra ragazzino italiano perché “lo guarda”

Termoli. Le indagini del commissariato di Termoli si sono protratte per tutta la sera per ricostruire un episodio che ieri pomeriggio si è verificato lungo la passeggiata del muraglione ai piedi del castello svevo. Ora c’è un fermo di polizia giudiziaria a carica di un ragazzo di 17 anni di origini albanesi. E’ accusato di avere accoltellato un termolese di appena diciotto anni dopo una discussione. Da una prima ricostruzione, deve rispondere di tentato omicidio premeditato e porto abusivo di arma. Il minore, accompagnato da un familiare, si è costituito in commissariato negando ogni addebito. Il giovane ferito si trova ricoverato in prognosi riservata all’ospedale San Timoteo di Termoli.

Nella sede di via Cina le indagini si sono protratte fino a tarda sera dove è rimasto il sostituto procuratore di Larino, Federico Carrai. Gli investigatori hanno ricostruito quanto avvenuto grazie anche ai testimoni presenti. Stando alle indagini il giovane termolese è stato colpito all’addome con un coltello a serramanico con una lama di otto centimetri. Il ferito, immediatamente trasportato in ospedale, ha presentato condizioni serie, con una ferita all’addome profonda e che aveva attinto organi vitali, tanto da metterlo in pericolo di vita. Per lui è stato necessario un intervento chirurgico.

Dalle indagini è emerso che il ragazzo fermato, residente in un paese della zona, «dopo aver indossato un passamontagna ed impugnato un coltello del tipo serramanico, con efferata freddezza, mediante azione fulminea, colpiva in maniera violenta la vittima, ferendola gravemente all’addome. Si dava a precipitosa fuga, senza prestare soccorso, aiutato anche da familiari che lo prelevavano con una vettura per garantirgli l’irreperibilità». Braccato dalla Polizia, solo nella tarda serata di ieri il minorenne, accompagnato da un familiare, ha deciso di costituirsi, negando però ogni addebito.

Tuttavia, la ricostruzione degli eventi effettuata dalla Polizia e dal pm Carrai della Procura di Larino, «non lasciavano dubbi in ordine alle responsabilità del ragazzo per i reati di tentato omicidio premeditato e porto abusivo di arma». L’arma trovata sul veicolo con il quale il minore sarebbe stato aiutato a fuggire è stata sequestrata. In questi casi, dato il coinvolgimento di una persona minorenne, è stata informata la Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni di Campobasso e la dottoressa Rossana Venditti, a disposizione della quale il minore fermato attualmente si trova.

http://www.primonumero.it/attualita/primopiano/articolo.php?id=21733

Spaccia eroina e cocaina, donna rom arrestata


Termoli Online
Spaccia eroina e cocaina, donna rom di origini termolesi arrestata a
Termoli Online
VASTO. Questa mattina il personale del Settore Anticrimine del Commissariato di Vasto ha tratto in arresto per detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente Laura Di Rocco, 30 anni, di etnia rom. La donna di Termoli, ma residente a Vasto, ha
Nascondeva 60 dosi di eroina e cocaina in un misuratore di http://www.molisedoc.it/ (Comunicati Stampa)
Sessanta dosi di cocaina ed eroina in casa, arrestata trentenneZonalocale
In casa con 60 dosi di droga: arrestata ragazza rom termoleseIl Giornale del Molisetutte le notizie (13) »

Ragazzina pestata a sangue dalla madre della compagna Rom

Termoli Online
15enne aggredita in via Tevere: si teme la frattura dello zigomo Termoli Online TERMOLI. Una ragazza di 15 anni sarebbe stata aggredita stamane, poco dopo le 12.15, in via Tevere, nel quartiere di San Pietro. Frammentarie le informazioni ad ora disponibili ma tutte attribuirebbero l’aggressione a una donna 50enne di origine rom e … 15enne aggredita in strada dalla madre di un’amica, portata in Primonumero.ittutte le notizie (2) »

CLICCARE SUL LINK PER LA FONTE DELL’ARTICOLO