Category: Rimini

Osa svegliare il migrante addormentato, autista preso a pugni

Non ha gradito il brusco risveglio durante il sonnellino e, nella serata di sabato, uno straniero si è trasformato in una furia aggredendo l’autista di un autobus di linea e gli agenti della polizia di Stato.
Il caos si è scatenato nella zona della stazione ferroviaria quando, il ferito arrivato a fine corsa, stava per chiudere il mezzo della Start Romagna e avviarsi al deposito. L’autista, però, si è reso conto che, su un seggiolino, era ancora presente un ragazzo di colore che russava fragorosamente e lo ha svegliato per invitarlo a scendere. Il giovane, strappato dalle braccia di Morfeo, non è stato particolarmente felice e, dopo aver preso a male parole il dipendente della Start Romagna, lo ha prima preso a male parole e, poi, lo ha malmenato con una serie di pugni al volto e si è allontanato in tutta fretta.
Nonostante le lesioni, l’autista ha dato l’allarme a una pattuglia dell’esercito che si trovava in zona e, sul posto, è accorsa una Volante della polizia di Stato. Gli agenti, dopo aver ottenuto una descrizione dell’aggressore, lo hanno individuato poco lontano. Alla vista delle divise, lo straniero ha dato nuovamente in escandescenza ed è stato necessario bloccarlo e portarlo in Questura. Qui è emerso che si trattava di un senegalese 27enne ed è stato denunciato per interruzione di pubblico servizio e arrestato per lesioni e resistenza.

http://www.riminitoday.it/cronaca/lo-sveglia-durante-il-sonnellino-autista-dell-autobus-preso-a-pugni-in-faccia.html

“In stazione non si può fumare”, Anziano pestato a sangue da immigrata

Aggredito e pestato a sangue da una immigrata. Un pensionato di 85 anni, che come tutti i giorni chiacchierava con un gruppetto di amici nella sala d’aspetto della stazione di Bellaria, ha rischiato grosso. Dopo averlo colpito al volto – nonostante portasse gli occhiali – con pesanti ceffoni, causandogli una ferita al setto nasale, la donna ha continuato a infierire sul malcapitato. Solo l’intervento dell’ex presidente del Quartiere Bellaria, Nicola Missiani, e successivamente di polizia municipale e carabinieri, ha evitato il peggio.

L’aggredito risulta infatti essere cardiopatico. Il motivo dell’aggressione sarebbe, come si dice, futile. «La donna – raccontano alcuni dei presenti – è entrata nella sala d’attesa ferroviaria intorno alle 16,30 di giovedì, fumando una sigaretta. Al che il pensionato le ha fatto notare che in quella sala il fumo era vietato. Non l’avesse mai detto. La donna gli si è gettata addosso come una furia. Probabilmente ubriaca, o comunque alterata». Dopo aver ricevuto sul volto diversi schiaffi, il pensionato è riuscito a reagire e ha spinto la donna – bassa e di corporatura esile – che ha perso l’equilibrio finendo a terra. «Quando si è rialzata era come indemoniata – racconta Missiani – e ha ripreso a picchiare. L’anziano è sbiancato, era precario sulle gambe, tremava, ci siamo preoccupati, li ho tenuti distanti e abbiamo chiamato un’ambulanza».

«Noi ci abbiamo provato ma non riuscivamo a fermarla – aggiungono da Turismhotels, la cooperativa turistica che ha sede in stazione – e abbiamo chiamato carabinieri e vigili. Una scena raccapricciante, poveretto». «Appena il pensionato, con il viso sanguinante, cercava di rialzarsi, lei lo sbatteva a terra di nuovo, coprendolo di insulti terribili». Una folla di residenti e turisti che aumentava di numero con il passare dei minuti.

Nessuno però osava avvicinarsi. «Ho cercato di impedire un’azione violenta contro una persona anziana – racconta Missiani – che ho visto in difficoltà». Persino gli agenti della municipale hanno dovuto faticare non poco a far salire la donna sull’auto di servizio. L’hanno poi portata alla stazione dei carabinieri, denunciandola per resistenza a pubblico ufficiale. Sul posto è giunta anche un’ambulanza che ha prestato i primi soccorsi all’aggredito. Il quale però ha rifiuto di essere portato al pronto soccorso, come volevano i sanitari. La donna è risultata senza fissa dimora, con precedenti di polizia per invasione di terreni. Ieri quasi nessuno dei gruppo di anziani si è presentato alla stazione per la solita chiacchierata tra amici.

http://www.ilrestodelcarlino.it/rimini/cronaca/bellaria-aggredito-stazione-1.3417271

Rimini, donna frustata da una prostituta nigeriana davanti casa


Imola Oggi
Rimini, frustata da una prostituta nigeriana davanti a casa
Imola Oggi
Rimini, 9 settembre 2017 – «Sono stata aggredita sotto casa a colpi di frusta che una prostituta nigeriana teneva nella borsa, mi ha colpito più volte. Questo perché avevo osato protestare contro la sua presenza nella mia area di proprietà». E’ il

altro »

Nuovo stupro a Rimini: violentata turista italiana da Marocchino

Secondo le prime ricostruzioni battute dalle agenzie, i carabinieri della città rivierasca hanno arrestato un marocchino di 34 anni con l’accusa di aver violentato una quarantenne di Parma. Stando alle informazioni raccolte dai militi, il maghrebino avrebbe fermato una coppia di turisti parmigiani alle 5 del mattino sul lungomare di Marina Centro.

Lo straniero si sarebbe impossessato del cellulare della donna e quindi la avrebbe costretta a seguirlo per riavere il telefono. Una volta in spiaggia, l’avrebbe costretta ad avere un rapporto sessuale con lui. Nel frattempo però il compagno ha chiamato il 112 e ha allertato i carabinieri del pericolo, comunicando la posizione precisa.

Una volta che gli uomini dell’Arma sono giunti sul posto hanno fermato il 34enne ancora nudo che tentava di violentare la ragazza, arrestandolo in flagranza di reato.

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/rimini-altro-stupro-spiaggia-fermato-34enne-marocchino-1436162.html

UFFICIALE: STUPRATORI RIMINI SONO NORDAFRICANI, 15 I SOSPETTI

Proseguono le indagini sulla brutale aggressione a una coppia avvenuta a Rimini. I sospettati sono una quindicina: tutti nordafricani, in prevalenza tunisini e algerini. Nessuno di loro, al momento, è indagato. Gli uomini della Squadra Mobile sono arrivati incrociando testimonianze e immagini delle telecamere di videosorveglianza, una decina, che riprendono i quattro prima e dopo la violenza e lo stupro della coppia di amici polacchi.

Nei fotogrammi, riporta il Corriere della Sera, si vedono giovani di pelle olivastra, due con il cappuccio della felpa in testa e dunque meno riconoscibili. L’aspetto non è trasandato e il video più nitido inquadra delle persone in apparenza curate. Le immagini sono state catturate da una telecamera posizionata sulla strada percorsa a piedi dalla banda dopo l’aggressione al Bagno 130, teatro dello stupro della ventiseienne polacca, verso la Statale adriatica.

Grazie a due testimoni le cui deposizioni sono state messe in cima al fascicolo aperto dalla Procura di Rimini per violenza sessuale e rapina, gli inquirenti ritengoni che non si tratti di sprovveduti, né di sbandati, ma di persone che comunque fanno uso di sostanze stupefacenti e per procurarsele le spacciano. Quella sera probabilmente avevano assunto una droga da sciogliere in acqua.

L’indagine tradizionale è stata implementata da quella tecnica e scientifica, della quale si stanno occupando anche gli esperti dello Sco, il Servizio centrale operativo della polizia, che stanno analizzando i flussi telefonici nella zona delle violenze, a quell’ora della notte.

Rimini: massacrato da Africano con la sua cagnolina sorda

Giunge oggi la notizia dell’ennesimo fatto gravissimo che ha per vittima un italiano, colpito quasi a morte da un africano a Rimini.

uomo

Simone Rice, assieme alla sua cagnolina sorda di 15 anni, è stato aggredito, senza alcun motivo, da un magrebino completamente ubriaco e armato di spranga nella zona del sottopasso della stazione . È stato attaccato da questo personaggio che, come altre migliaia di persone altrettanto pericolose, non deve stare su suolo italiano. Questa vicenda, assieme al violentissimo stupro avvenuto a Cattolica giovedì scorso, fa capire come questi sedicenti profughi in realtà siano solo pericolosi criminali. Esorto la magistratura a punire in modo esemplare questi soggetti ed il vicesindaco Gloria Lisi ad andare immediatamente a portare la solidarietà di tutta la giunta comunale a Simone Rice, come fece con il non italiano Emmanuel, dimostrando a me ed alla comunità riminese che non vi sono vittime di serie A e di serie B.

https://www.facebook.com/fnrimini/posts/1445887968836657

RIMINI, RAGAZZINA STUPRATA DA AFRICANO IN BAGNO STAZIONE

“Mi ha violentata nel bagno della stazione”, 18enne finisce in ospedale

Violentata nei bagni della stazione ferroviaria di Cattolica. La vicenda risalirebbe a due giorni fa quando, secondo il racconto della vittima, una sera stava ritornando nella struttura di accoglienza dopo aver lavorato tutta la giornata come stagista in un negozio. E’ stato qui che ha incontrato un giovane di colore, già conosciuto precedentemente proprio nel tragitto tra il lavoro e la casa protetta, con il quale aveva scambiato alcune parole in attesa dell’arrivo dell’autobus. I due si erano scambiati alcune frasi in inglese e la sera dopo, poco dopo le 18,30, l’ha ritrovato fuori dal negozio ad attenderla. Quattro passi insieme, fino ad arrivare allo scalo ferroviario, quando il presunto violentatore le avrebbe chiesto indicazioni per le toilette.

La 18enne, convinta di aiutarlo, si è offerta di accompagnarlo per mostrargli la strada ma, una volta arrivati davanti alla porta, il ragazzo l’avrebbe afferrata con la forza, trascinata nei bagni e abusato di lei nonostante le mestruazioni. Dopo la violenza, il giovane africano si è allontanato facendo perdere le proprie tracce mentre, la ragazza, è ritornata nella struttura di accoglienza. Solo dopo altri due giorni, rendendosi conto che le perdite ematiche intime non accennavano a diminuire, ha trovato il coraggio di raccontare tutto agli operatori e, di corsa, è stata portata in ospedale.

I sanitari, dopo averla visitata, le hanno ricotrato delle lesioni ed è stato necessario applicare alcuni punti di sutura. Dall’ospedale è partita la segnalazione alla forze dell’ordine e, in Procura, è stato aperto un fascicolo per violenza sessuale. Sono in corso le indagini da parte della squadra Mobile della Questura di Rimini per individuare il giovane che avrebbe violentato la ragazza.

Potrebbe interessarti: http://www.riminitoday.it/cronaca/cattolica-violenza-sessuale-profughi-richiedenti-asilo-ha-violentata-nel-bagno-della-stazione-18enne-finisce-in-ospedale.html

42 condanne e zero giorni di galera: il record della Zingara sempre incinta

– Un turista milanese in vacanza a Rimini è stato boserggiato da una donna incinta al nono mese e del decimo figlio. Di origini bosniache, 36 anni, risulta arrestata 19 volte, condannata 42 e al suo attivo avrebbe almeno 40 furti. Ieri alle 10.30 era con la figlia 17enne, alla quale ha passato il portafogli sfilato dalla tasca del turista: 125 euro in contanti, due carte bancomat con il pin scritto sul retro e due carte di credito. Il borseggio però è stato notato da un agente della Polizia penitenziaria di Rimini, fuori servizio, che ha bloccato le due e restituito la refurtiva. La bosniaca è comparsa in mattinata davanti al giudice per il processo in direttissima: ha raccontato di essere a Rimini di passaggio e di vivere in un campo nomadi a Roma. Convalidato il provvedimento e rinviato il processo, la donna è stata visitata in ospedale a Rimini dove è già stato preso appuntamento per domani per il parto cesareo, e poi è stata portata in carcere a Forlì.

http://www.ilgiorno.it/milano/cronaca/borseggio-milanese-1.3290480

Abusivo non sopporta controlli, spacca piede ad agente

Cattolica, agente della Municipale aggredito da un abusivo durante un controllo in spiaggia

Un agente della Polizia Municipale di Cattolica, impegnato domenica scorsa in un servizio finalizzato a contrastare l’abusivismo commerciale, è stato aggredito da un venditore abusivo, riportando una frattura al piede giudicata guaribile in una trentina di giorni. L’aggressore, di origine africana, è riuscito a dileguarsi. L’episodio si è consumato intorno alle 17 in spiaggia, all’altezza di via D’Annunzio. Il sindaco Mariano Gennari, esprimendo la solidarietà dell’amministrazione all’agente ferito, ha evidenziato come l’intenzione del Comune sia quella di intensificare le forze contro il fenomeno dell’abusivismo commerciale.

“Sono molto orgoglioso degli uomini della Polizia Municipale, ogni giorno superano le difficoltà utilizzando tutti i mezzi a disposizione e prodigandosi per affrontare il difficilissimo problema dell’abusivismo commerciale – commenta Gennari -. I risultati iniziano ad essere palesi. E’ intenzione di tutti, moltiplicare le forze e proseguire con ancora maggior entusiasmo sulla strada di contrasto intrapresa, mi faccio portavoce di tutta l’amministrazione ma sono sicuro di parlare anche a nome dei nostri cittadini augurando una pronta guarigione al nostro agente ferito. L’abusivismo commerciale ha evidenti implicazioni con i fenomeni migratori degli ultimi anni, verranno usati tutti gli strumenti a disposizione per poter arginare il fenomeno. Azioni interforze di contrasto si stanno attuando e pianificando giornalmente nel nostro Comune”.

Potrebbe interessarti: http://www.riminitoday.it/cronaca/agente-polizia-municipale-cattolica-aggressione-controlli-abusivismo-commerciale.html

Rimini, ladri da spiaggia accerchiati dai bagnanti inferociti

Predoni della battigia accerchiati dai bagnanti inferociti

Pomeriggio concitato, quello di giovedì, sulla spiaggia libera nei pressi del porto di Rimini dove si sono verificati una serie di furti ai danni dei baganti. Una banda di predoni dell’arenile, infatti, aveva preso di mira gli zainetti lasciati incustoditi ma, a scoprire le mosse si un terzetto di nordafricani, sono state le stesse vittime. Ne è nata una piccola caccia all’uomo fino a quando, bloccati dagli stessi bagnanti, sono stati acciuffati i malviventi. Nel frattempo, è partito l’allarme che ha fatto accorrere sul posto le pattuglie dei carabinieri che hanno preso i consegna gli stranieri per portarli in caserma. I marocchini di 17, 23 e 25 anni, tutti nullafacenti senza fissa dimora, sono stati trovati in possesso di varia refurtiva, tra cui 2 smartphone risultati rubati a Lodi e Milano ila giornata stessa, che gli sono valsi anche una denuncia per ricettazione.

Potrebbe interessarti: http://www.riminitoday.it/cronaca/predoni-della-battigia-accerchiati-dai-bagnanti-inferociti.html