Category: Pesaro

Marocchino sgozza donna italiana che l’aveva fatto entrare in casa

E’ un cittadino marocchino ultratrentenne l’assassino di Sabrina Malipiero, la 52enne uccisa con una coltellata alla gola, nella sua casa in via Pantano a Pesaro. L’uomo, uno della decina di persone su cui si erano focalizzate le indagini nelle ultime ore, è stato sentito contemporaneamente agli altri e ha negato per tutta la notte.
Solo stamane ha confessato davanti al pm Silvia Cecchi e agli investigatori della Squadra Mobile pesarese.

Gli investigatori sono risaliti all’uomo tramite i contatti telefonici del cellulare della vittima, selezionando quelli più frequenti negli ultimi dieci giorni, a parte i familiari e gli amici più stretti. Il marocchino è già noto alla forze di polizia, in particolare all’antidroga della Questura di Pesaro Urbino, ma non ha condanne a suo carico. Secondo le prime informazioni avrebbe frequentato spesso la casa di Sabrina Malipiero, la donna gli aveva aperto la porta di casa senza problemi. Poi, una volta dentro, un brutale pestaggio e una o due coltellate alla gola, una delle quali ha raggiunto la 52enne, commessa in un supermercato e madre di due figli grandi, da tempo separata dal marito, alla giugulare, provocandone la morte per dissanguamento. L’uomo è poi fuggito con la Daewoo Matiz nera della vittima, trovata ieri sera in un’altra parte della città. Un omicidio per futili motivi, secondo gli inquirenti.

http://www.ansa.it/marche/notizie/2018/07/15/donna-uccisa-a-pesaro-assassino-ha-confessato_b8fadd1d-4db6-4f1f-bf91-a9871156e8da.html

Pugni all’autista che chiede loro il biglietto, profughi scatenati

Sono saliti sull’autobus diretto a Montecerignone e tra i passeggeri è serpeggiato l’immancabile sentimento di diffidenza. Due ragazzi, entrambi di colore, chiaramente appartenenti alla piccola pattuglia di profughi che Macerata Feltria ospita con una certa riluttanza. E neanche a dirlo si sono subito esibiti. Alla gentile richiesta del conducente di dotarsi dei biglietti per l’utilizzo del mezzo pubblico, senza nemmeno tergiversare, i due ragazzi hanno risposto di non avere i soldi per pagarlo.
Forte della pazienza che conducenti di autobus e controllori ferroviari hanno oramai imparato, l’autista ha ribadito che senza il ticket non potevano viaggiare. E alla loro replica: «Non abbiamo i soldi» ha chiesto ai due giovani di scendere dal mezzo. Per tutta risposta uno dei due ha rifilato al conducente un pugno in faccia.

https://www.corriereadriatico.it/pesaro/macerata_feltria_pugno_controllore_passeggera_impaurita_paga_loro_biglietto-3783039.html

Cinque donne ostaggio di immigrati armati, rapina choc

Rapina in stile Arancia meccanica, stanotte intorno alle 2.30 a Fermignano. Quattro banditi a volto coperto e armati di pistole hanno fatto irruzione all’interno di un’edificio bifamiliare, di un imprenditore del luogo, settore zincatura.

Nella prima abitazione hanno costretto con la forza una donna e la figlia ad aprire la cassaforte di casa, successivamente si sono introdotti nella seconda abitazione dove si sono impossessati del denaro e gioielli della famiglia, erano presenti in casa un’altra donna e le sue due figlie.

Poi sono fuggiti con l’auto rubata ad una delle due famiglie, poi abbandonata in fondo alla discesa, sempre all’interno della proprietà.

I rapinatori, tutti con accento dell’Est, hanno intimato alla padrona di casa, trascinandola per i capelli, di indicare dove fosse la cassaforte. E la donna ha eseguito, dando la combinazione per l’apertura. All’interno vi erano custoditi oggetti preziosi e denaro per un ammontare complessivo di 30mila euro. Poi la fuga dei banditi con l’Audi di famiglia, ritrovata dai carabinieri poco dopo. Dei malviventi si sono perse le tracce. Le donne tenute sotto minaccia dai banditi sono in stato di choc ma illese. Il capofamiglia era all’estero per motivi di lavoro.

http://www.ilrestodelcarlino.it/pesaro/cronaca/rapina-in-villa-1.3675221

Ragazzina aggredita da Africano armato di bastone

PESARO – Aggredita a 14 anni con un bastone da un giovane straniero mentre porta a spasso il cane al parco Miralfiore. C’è una denuncia sporta ai carabinieri, un referto del pronto soccorso dell’ospedale San Salvatore dove i medici scrivono di un trauma cranico secondario riportato dalla ragazzina con una prognosi di 3 giorni. E ci sono accertamenti in corso per incrociare dichiarazioni della vittima, scenari e tempistica.

A salvare la 14enne, inconsapevole quanto provvidenziale, sarebbe stato un ciclista che passando casualmente avrebbe disturbato con la sua presenza improvvisa l’immigrato che ha desistito scappando. Ed è la stessa mamma della giovanissima vittima a diffondere la notizia postandola sui social per chiedere un aiuto a rintracciare l’aggressore di cui fornisce anche una descrizione dettagliata: un ragazzo di colore, con capelli rasta fino all’orecchio, alto circa un metro e 85.

«Se qualcuno di voi – conclude il post – dovesse per caso aver notato un individuo simile è pregato di scrivermi in privato». La famiglia della ragazzina abita a poche decine di metri dal Miralfiore. E’ la madre a raccontare quanto successo martedì nel tardo pomeriggio, poco dopo le 19. «E’ uscita come sempre per portare a spasso il cane prima di cena, di solito sotto casa, invece l’altro giorno ha preferito andare verso il parco dall’ingresso principale di via Cimarosa per poi proseguire nell’area del ponticello e dei giochi dei bambini. Poco dopo è passata davanti a un giovane di colore seduto su una panchina. Non le ha detto nulla. Non un accenno. Lei ha proseguito e lui si è alzato». «E’ venuto verso di me – racconta la ragazzina – e mi ha colpito alle spalle con una mazza. Sono riuscita a schivarlo ma un po’ mi ha preso. Allora sono scappata urlando, lui ha cercato di inseguirmi e mi gridava dietro “dove vai?”, “dove vai?”, poi ha visto uno in bici ed è fuggito verso la stazione».

http://www.corriereadriatico.it/pesaro/pesaro_ragazzina_14enne_aggredita_parco_miralfiore_straniero_bastone-3223144.html

Immigrato ubriaco e violento deruba capotreno

Pomeriggio di tensione alla stazione di Pesaro sul regionale Ancona-Rimini. Un 37enne ubriaco di origini palestinesi ha prima derubato il capotreno poi si è ribellato contro le forze dell’ordine. In tasca aveva 3 coltelli.

L’uomo, irregolare sul territorio, alterato dall’alcool, ha rubato alcuni oggetti dalla borsa del capotreno che accortosi del furto ha inseguito il palestinese insieme ad un finanziere che era sul posto fuori servizio. Una volta trovato, l’uomo li ha minacciati e ha tentato di aggredirli.

Successivamente sono giunti alla stazione i Carabinieri, ma il 37enne si è ribellato anche contro di loro. Dopo una zuffa sono riusciti a bloccarlo. Nelle tasche aveva 3 coltelli.

L’uomo è stato arrestato con le accuse di rapina impropria, resistenza e violenza a pubblico ufficiale.

http://www.viverepesaro.it/2017/07/05/tensione-alla-stazione-di-pesaro-ubriaco-e-violento-deruba-capotreno/644920

Pesaro, rissa da Far West in pieno centro: sono già liberi i tre arrestati


Corriere Adriatico

Pesaro, rissa da Far West in pieno centro: sono già liberi i tre arrestati
Corriere Adriatico
… secondo le ricostruzioni effettuate dai carabinieri dopo aver visionato le telecamere e ascoltato numerosi testimoni, ha apostrofato pesantemente i due romeni, rispettivamente di 36 e 26 anni, operai, entrambi senza precedenti, già ubriachi e

Vigili aggrediti da 30 abusivi a Pesaro


ANSA.it
Vigili aggrediti da abusivi a Pesaro
ANSA.it
“Ieri, a Pesaro, alla Fiera di San Nicola, 30 abusivi hanno aggredito i vigili, mandandone uno all’ospedale. L’anno scorso a Fossombrone è successo un fatto analogo. E’ chiaro a tutti che la situazione è ormai fuori controllo e occorre mandare un
‘Vigili aggrediti da 30 abusivi‘, paura durante la fiera di San NicolaL’indiscreto

tutte le notizie (2) »

Marocchino fa inginocchiare moglie italiana in chiesa e le punta coltello a gola


Il Messaggero
Pesaro, coltello alla gola della moglie alla festa parrocchiale
Il Messaggero
PESARO – E’ entrato nel cortile della chiesa e davanti a tutti ha fatto inginocchiare la moglie, tirato fuori un coltello e minacciata di morte. Solo grazie all’intervento dei presenti l’uomo è stato costretto alla fuga. Poi la Polizia lo ha arrestato
Marocchino fa inginocchiare la moglie italiana e le punta un coltello Imola Oggi
Aggredisce la moglie con un coltello alla festa di Pantano, arrestato Vivere Pesaro
Punta un coltello alla gola della moglie alla festa di quartiereIl Resto del Carlino

tutte le notizie (5) »

PROFUGO SORPRESO A SPACCIARE A RAGAZZINO DI 15 ANNI

PESARO – Migrante in attesa di asilo politico viene sorpreso a spacciare al parco Miralfiore. Con l’aggravante di consegnare la droga a un minorenne, un ragazzino di solo 15 anni. I carabinieri del nucleo radiomobile della Compagnia di Pesaro hanno arrestato un ghanese di 29 anni, ospite di una delle strutture che accoglie i profughi richiedenti asilo. E’ successo nuovamente al parco Miralfiore, oggetto di controlli serrati dei militari. Già un mese fa un altro arresto.
Alcuni uomini in borghese hanno presidiato il parco sin dalle prime ore di venerdì pomeriggio proprio con l’obiettivo di scardinare ogni tipo di attività illegale. Così i militari hanno visto degli strani movimenti e individuato un personaggio in un luogo appartato del parco. Hanno notato un minorenne che con fare sospetto si è avvicinato a un ghanese. Qualche parola poi c’è stato il passaggio di sostanze stupefacenti, i carabinieri sono entrati in azione e hanno bloccato il migrante. Aveva a malapena un grammo di hashish e con sé altre due dosi di marijuana da meno di un grammo. Ma il reato di spaccio è aggravato dalla vendita di droghe a un minore, un ragazzino di 15 anni. I carabinieri lo hanno segnalato alla Prefettura come assuntore, poi hanno avvisato i familiari.
 

http://www.ilmessaggero.it/marche/pesaro_richiedente_asilo_sorpreso_spacciare_15enne-1703744.html

Pesaro, causa incidente e scappa, polizia ferma ubriaco romeno al volante


Vivere Pesaro
Pesaro, causa incidente e scappa La polizia ferma ubriaco al volante
Corriere Adriatico
Protagonista del movimentato pomeriggio di oggi è un automobilista fanese, 47 anni, di origini romene fermato dopo un inseguimento in autostrada che per fortuna ha visto il ferimento solamente di due persone in maniera lieve. Tutto è iniziato poco
Tampona auto e fugge, automobilista ubriaco fermato dalla poliziaVivere Pesarotutte le notizie (2) »