Category: Napoli

Ritrova i suoi rapinatori alla processione

Sono stati fermati perché ritenuti responsabili, in concorso, di ricettazione Arbenser Arnold Mii Anum, nato in Ghana nel 1968, Opoku Samuel, nato in Ghana nel 1982 e Yaw Atia, nato in Togo nel 1968, tutti residenti a Castelvolturno.
I tre uomini in mattinata, durante la processione in occasione dei festeggiamenti in onore di san Giuliano venivano riconosciuti daun commerciante del posto quali gli autori di un furto di capi di abbigliamento avvenuto nel proprio negozio 4 giorni fa.
L’esercente immediatamente provvedeva ad allertare i militari della compagnia di Giugliano, in quel momento impegnati in servizio di rappresentanza per la cerimonia religiosa, che venivano così prontamente bloccati dai carabinieri coordinati dal capitano Antonio De Lise. All’esito di ulteriori accertamenti veniva acclarato che i tre avevano nella propria disponibilità un’autovettura, risultata rubata, al cui interno venivano trovati capi d’abbigliamento di dubbia provenienza.
Gli uomini della Benemerita hanno così intorno alle 15 sottoposto a fermo il togolese ed i due ghanesi.

http://www.internapoli.it/75525/riconosciuti-dalla-vittima-durante-la-processione-di-san-giuliano-fermati-tre-uomini

Immigrato armato di coltelli minaccia i passanti a Napoli – VIDEO

Tenta di violentare 15enne: arrestato richiedente asilo

Ha iniziato a urlare richiamando l’attenzione di alcuni passanti. Così una 15enne vittima di molestie sessuali ha fatto arrestare il suo aggressore: un guineano richiedente asilo. Il ragazzo di 20 anni ha palpeggiato più volte sul bus la minorenne. A dare l’allarme al 112 sono stati alcuni cittadini richiamati dalle urla della giovane che, appena è stata soccorsa, ha riferito loro che mentre rincasava a piedi un ragazzo l’aveva palpeggiata più volte.

I carabinieri di Marano sono arrivati sul posto in pochi minuti e hanno trovato a pochi metri dalla ragazza un giovane, poi identificato in un 20enne guineano richiedente asilo, sotto l’effetto alcol. La ragazzina ha raccontato anche ai militari quanto le era appena successo e il 20enne è stato bloccato e arrestato per violenza sessuale.

http://www.ilmattino.it/primopiano/cronaca/napoli_palpeggia_molestie_sessuali-2624872.html

Africano scippa passeggeri bus, poi calci e pugni ad agenti

Ha cercato di scippare un turista cagliaritano sull’autobus 151 a Napoli, poi non ha esitato a picchiare due agenti della polizia pur di scappare. Mamadou Sedy, 29enne pregiudicato originario del Senegal, è stato arrestato con le accuse di furto di destrezza aggravato e resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Il fatto è accaduto domenica sera in via Marina, sul lungomare di Napoli. Gli agenti della volante notano che qualcosa di strano sta accadendo sull’autobus, dove un uomo sta cercando di trattenere a bordo un immigrato. Era Sedy, che scoperto prova la fuga. Quando si trova davanti agli agenti che lo vogliono identificare ne spintona uno contro la pensilina, facendolo cadere, e poi inizia a correre in direzione di Borgo Orefici. Inseguito e bloccato da un’altra volante, l’africano diventa una furia e cerca di allontanare gli agenti a calci e pugni, prima di essere immobilizzato con non poche difficoltà. Gli agenti hanno riportato contusioni e ferite multiple guaribili in sette giorni. Ora l’immigrato sarà giudicato con rito per direttissima.

http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/13217427/napoli-immigrato-senegal-furto-portafogli-autobus-rissa-calci-pugni-poliziotti-.html

IMMIGRATO SFREGIA RAGAZZINI ARMATO DI BOTTIGLIA ROTTA

Quattro giovanissimi finiti in ospedale e uno straniero di 33 anni in manette. È il bilancio di una violenta aggressione che si è consumata intorno alle 22 di ieri sera a Bagnoli, nei pressi della fermata Agnano della Cumana.

I ragazzi, quattro minorenni e uno di 18 anni compiuti da poco, erano seduti al tavolino esterno di un locale quando è arrivato un altro giovane, successivamente identificato come Mohamed Refi, tunisino senza fissa dimora. Palesemente ubriaco, ha cominciato a infastidirli blaterando qualcosa di incomprensibile. I ragazzi si sono alzati e hanno cercato di allontanarsi ma l’extracomunitario li ha seguiti e, dopo aver spaccato su un palo una bottiglia, li ha aggrediti. Uno dei giovani è stato ferito all’ascella, un altro al volto, il terzo ha riportato diversi tagli su tutto il corpo e l’unico maggiorenne delle escoriazioni all’addome; sono stati accompagnati da alcuni passanti al pronto soccorso dell’ospedale San Paolo, dove successivamente è arrivata la volante del commissariato San Paolo.

Subito dopo l’aggressione il tunisino è scappato. È stato ritrovato dagli agenti del commissariato Bagnoli, agli ordini del dirigente Raffaele Pelliccia, che erano intervenuti in via Nuova Bagnoli su segnalazione di rissa. Supportati nelle ricerche da una volante dell’Ufficio Prevenzione Generale della questura, coordinato dal dirigente Michele Spina, i poliziotti lo hanno trovato circa mezz’ora dopo: coperto di sangue e in stato confusionale, si era nascosto nel cortile interno di uno stabile di via Diocleziano.

Refi è stato trasportato all’ospedale Fatebenefratelli da una pattuglia del commissariato Pianura e dimesso con dieci giorni di prognosi; per lui è scattato l’arresto, le accuse sono di tentato omicidio nei confronti del ragazzo ferito al petto e lesioni aggravate per gli quattro.

http://www.ilmattino.it/napoli/cronaca/napoli_tunisino_aggredisce_giovani_bottigliate-2609505.html

PROFUGO RAPINA PASSANTI E POI AGGREDISCE AGENTI

Nuovo episodio di violenza contro le forze dell’ordine nella zona della Stazione centrale. Domenica mattina gli agenti della polizia di Stato dell’Ufficio Prevenzione Generale hanno arrestato Traore Bakary, 21enne cittadino del Mali attualmente senza fissa dimora, ritenuto responsabile del reato di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Lo stesso è stato altresì denunciato in stato di libertà per il reato di ricettazione.

Bakary ha richiesto asilo politico ed è attualmente in Italia in quanto titolare di un permesso di soggiorno per motivi umanitari valido sino al 19 settembre.

Verso le 11 i poliziotti si sono recati in via Carmignano alla ricerca dell’autore di un furto di cellulare appena avvenuto in corso Garibaldi ai danni di un cittadino dello Sry Lanka. Giunti sul posto, hanno subito notato un gruppetto di stranieri, tra cui Bakary, che confabulavano con un telefonino tra le mani. Alla loro vista gli stranieri si sono dati tutti alla fuga in diverse direzioni. Il 21enne maliano è stato però raggiunto. Per sfuggire alla cattura ha quindi provato a salire su un tetto ma gli è stato impedito. Vistosi alle strette, si è avventato sui poliziotti colpendoli ripetutamente a calci e pugni. È riuscito a svincolarsi raggiungendo la bancarella di un venditore ambulante, ha iniziato a prendere degli oggetti esposti per la vendita e lanciarli contro gli agenti. Tra questi oggetti alcuni piatti hanno colpito alla mano sinistra un poliziotto.

Alla fine è stato bloccato e sottoposto a perquisizione personale. Gli agenti lo hanno trovato in possesso di documenti intestati a un cittadino del Ghana, 2.140 euro e uno smartphone Samsung con codice di blocco a lui sconosciuto.

Dopo aver ricevuto la notifica della revoca dello status di protezione internazionale, Bakary è stato quindi arrestato. In giornata verrà processato con rito direttissimo.

http://www.ilmattino.it/napoli/cronaca/napoli_profugo_aggredisce_poliziotti-2606012.html

30 IMMIGRATI ASSALTANO 5 MILITARI PER BLOCCARE ARRESTO, SCONTRI – VIDEO CHOC

“Abbandonati e traditi”. Così si sentono gli abitanti de quartiere Vasto di Napoli che hanno pubblicato su Facebook un video per denunciare l’ennesimo episodio di violenza da parte degli stranieri, questa volta a scapito persino di soldati.

https://www.facebook.com/lello.cretella.1/videos/10212768936551018/

Nel filmato nelle centrale via Firenze, a pochi passi dalla stazione, una pattuglia di cinque militari – armati e impegnati nell’operazione “Strade sicure” – sta perquisendo un uomo, a terra per i controlli. Alcuni stranieri accorrono da destra, ma vengono allontanati. Ne arrivano altri da sinistra. I soldati – ormai accerchiati – cercano di mantenere la calma, ma di colpo si scatena il caos: urla, spintoni, qualcuno cerca di liberare il fermato. Fino all’intervendo un un giovane in maglietta verde che dice qualcosa e fa disperdere la trentina di immigrati in rivolta.

“Episodi come questi accodono ogni ghiorno nel nostro quartiere e tutti fanno finta di non vedere”, denunciano dal Comitato Quartiere Vasto, “Ci sentiamo soli e abbandonati… Abbiamo paura per noi e per le nostre famiglie! Ora basta! Addirittura aggressione allo Stato”.

http://www.ilgiornale.it/news/napoli-30-immigrati-accerchiano-5-militari-impedire-fermo-1428869.html

MAROCCHINO MINACCIA DI SGOZZARE OPERATORE CARITAS, ESIGEVA VESTITI NUOVI

Pretendeva scarpe e altri beni che già erano stati forniti, e innervosito dal rifiuto ha puntato la lama alla gola del responsabile Caritas.
Protagonista della vicenda un marocchino di 29 anni: era alla caritas di Aversa assieme ad altre persone in cerca di un sostegno, aveva già ricevuto però gli aiuti che chiedeva, scarpe e vestiti, e vedendoseli negare ha dato in escandescenza, puntando un coltello alla gola del responsabile della struttura, don Carmine Schiavone.
A quel punto sono stati allertati i carabinieri e l’aggressore si è dileguato.
Tanta paura per don Carmine, ma per fortuna nessuna conseguenza fisica.

http://www.ottopagine.it/ce/cronaca/131449/punta-coltello-alla-gola-del-responsabile-caritas.shtml?utm_source=dlvr.it&utm_medium=facebook

TERRORE ALLA STAZIONE, MIGRANTE ARMATO MINACCIA DI SGOZZARE PASSANTI

Momenti di terrore davanti alla stazione di piazza Garibaldi. Un giovane africano brandendo le forbici, ha terrorizzato per diversi minuti passanti e viaggiatori. Il migrante era in evidente stato confusionale. Un ispettore della polizia penitenziaria, Emilio Capasso, al rientro dal servizio ieri pomeriggio, ha cercato prima di calmarlo ma visto che il giovane non si arrendeva ha fatto ricorso alla sua preparazione prima nelle forze speciali della Marina poi nella penitenziaria. Con una abile mossa Capasso è riuscito a strappargli le forbici dalle mani. A quel punto il giovane senza tentare una reazione è scappato riuscendo a fare perdere le tracce. Per i viaggiatori diretti ai binari un sospiro di sollievo dopo minuti di interminabile terrore.

http://www.ilmattino.it/napoli/cronaca/ferrovia_paura_ispettore_penitenziaria-2582402.html

Napoli, Africani si uccidono tra loro

Una lite tra extracomunitari si è conclusa con la morte per omicidio di una delle persone coinvolte, un nigeriano di cui non sono ancora note le generalità. L’episodio, in cui sarebbe rimasta ferita un’altra persona, è accaduto a villa Angela, nel comune di Terzigno (Napoli).
Sul fatto, successo poco dopo le 20, indaga la polizia.

http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2017/07/18/lite-tra-extracomunitarimorto-nigeriano_0d50140c-fa01-4d47-a237-95ce2c6f6808.html