Category: Macerata

Nigeriano armato di 2 coltelli attacca i condomini di notte

Alle 3 di notte, armato di due grossi coltelli da cucina, un nigeriano di 42 anni, con regolare permesso di soggiorno, si è messo a gridare senza motivo e a minacciare i condomini del quinto piano del residence multietnico dell’Hotel House di Porto Recanati (Macerata).

L’uomo è stato bloccato e disarmato dai carabinieri, accorsi sul posto insieme ad un’ambulanza. Denunciato per porto abusivo di armi, è stato poi ricoverato nell’Ospedale di Civitanova Marche per le cure del caso.

http://www.ansa.it/marche/notizie/2017/12/09/armato-di-2-coltelli-minaccia-condomini_fde2439a-f4df-4140-9fbd-94910490f4a8.html

Macerata, Marocchino picchia bambine figlie della moglie italiana


il Giornale
Macerata, marocchino con moglie italiana picchia le figliolette …
il Giornale
La vicenda risale a diverso tempo fa quando la coppia, lui marocchino e e lei italiana, rispettivamente di 45 e 34 anni, e con quattro figli vivevano in un Comune nel maceratese. Il 45enne, secondo quanto ricostruito dalla Procura, picchiava le piccole
Marocchino con moglie italiana picchia le figliolette perché non …Leggo.it

tutte le notizie (18) »

Migrante in crisi di astinenza picchia commesso

CIVITANOVA – In crisi di astinenza da metadone aggredisce un dipendente del supermercato e minaccia con dei mattoni gli agenti della Squadra Volante. Un pakistano di 35 anni scatena il caos in via Carducci e finisce in manette. Mancavano alcuni minuti alle 13.30 di martedì scorso quando gli agenti del commissariato di pubblica sicurezza di Civitanova sono intervenuti in via Carducci al parcheggio del supermercato Coal dove era stata segnalata un’aggressione compiuta da un cittadino straniero nei confronti di un dipendente dell’esercizio commerciale.

Dopo un brevissimo inseguimento i poliziotti hanno raggiunto lo straniero che, in preda ad uno stato di alterazione psichica, ha reagito sferrando calci e pugni fino a quando gli agenti sono riusciti a bloccarlo e a portarlo in commissariato. Il pakistano, 35 anni, clandestino (in Italia dal 2009 e senza un domicilio, già gravato da due decreti di espulsione nel 2012 dal prefetto di Latina e nel 2015 dal prefetto di Fermo, già arrestato nel 2011 per gli stessi reati, con segnalazioni per reati contro il patrimonio), è stato arrestato per lesioni, resistenza e violenza a pubblico ufficiale. Ha patteggiato con il pubblico ministero di udienza, il viceprocuratore onorario Francesca D’Arienzo, la pena di un anno di reclusione, con la sospensione condizionale.

http://www.corriereadriatico.it/macerata/civitanova_marche_aggredisce_commesso_minaccia_polizia_mattoni-2405416.html

Tunisino in centro con manganello devasta fioriere


Corriere Adriatico
Civitanova, tunisino gira in centro con un manganello: fioriere distrutte
Corriere Adriatico
CIVITANOVA – Girava con un manganello e si divertiva a colpire e distruggere le fioriere di corso Umberto I. È stato bloccato in pieno centro, l’altro ieri pomeriggio, un tunisino di 25 anni, clandestino senza permesso di soggiorno. Gli agenti del
Gira col manganello e distrugge vasi e fioriere: bloccato e denunciatoIl Resto del Carlino

tutte le notizie (2) »

Alcolici vietati, il negoziante nigeriano: “E’ un complotto razzista”


Il Resto del Carlino
Alcolici vietati, il negoziante nigeriano: ‘Macerata razzista. Le multe
Il Resto del Carlino
Macerata, 4 giugno 2016 – «Macerata è una città razzista». Così Monday Samuel, nigeriano, titolare dell’African Shop di via Morbiducci, al centro delle polemiche dei residenti negli ultimi quattro anni e ora dell’ordinanza del sindaco, che vieta alla

Macerata, arrestato rapinatore di fedi nuziali


PPN – Prima Pagina News
Cro – Macerata, arrestato rapinatore di fedi nuziali
PPN – Prima Pagina News
Il giovane straniero ha così cercato di afferrare i cani tenuti al guinzaglio dalla donna. Lo straniero ha subito dopo aggredito il marito, andato in soccorso della propria moglie, scagliandosi con ancor più violenza verso l’uomo, il quale ha dovuto  

CLICCARE SUL LINK PER LA FONTE DELL’ARTICOLO

Calci e pugni: coppia rapinata al parco da un Africano


Il Resto del Carlino
Calci e pugni: coppia rapinata al parco da un giovane
Il Resto del Carlino
La coppia di giovani coniugi era a passeggio con con i cani nel parco quando, all'improvviso, un giovane ha aggredito la donna ventenne, afferrandola e immobilizzandola con violenza. Quindi l'aggressore ha provato ad afferrare i cani tenuti al
Macerata, coppia assalita nel parco Inseguito e arrestato il rapinatoreCorriere Adriatico

tutte le notizie (3) »

CLICCARE SUL LINK PER LA FONTE DELL’ARTICOLO

Migrante si masturba davanti studentessa

Si masturba davanti ad una studentessa: è successo ieri mattina all’ascensore Giardini Diaz di Macerata. «Ho chiamato la polizia, sono rimasta disgustata da quella scena».

Erano circa le 11 di ieri mattina quando una ragazza di 27 anni di Macerata, che studia Giurisprudenza a Unimc, ha imboccato il tunnel dei Giardini Diaz per andare a prendere gli ascensori che salgono al centro storico del capoluogo. La studentessa ieri mattina doveva andare in biblioteca. Era giorno di mercato e in giro in centro c’erano moltissime persone. Quando la 27enne è arrivata agli ascensori ha notato una persona che scendeva le scale che si trovano, ponendosi frontalmente ai due elevatori, sulla sinistra. «Era un ragazzo, quando mi ha visto ha iniziato a masturbarsi – dice la 27enne –. Io ho subito chiamato la polizia ma lui è scappato su per le scale». Un maniaco che è riuscito a dileguarsi alla svelta scampando l’arrivo dei poliziotti. «Credo si tratti di un mediorientale, non mi sono spaventata per quello che è accaduto ma sono rimasta disgustata da questa cosa» dice la giovane. Nella zona degli ascensori ci sono le telecamere e attraverso quelle l’uomo potrebbe venire identificato.

http://www.cronachemaceratesi.it/2016/01/14/maniaco-ai-giardini-diaz-si-masturba-davanti-a-studentessa/756808/

Marocchina picchia ragazzina perché senza velo islamico

La vittima è una ragazzina di neanche 15 anni marocchina che frequenta il primo anno di una scuola superiore di Matelica, paesino dell’entroterra maceratese. Non forniremo nessun altro particolare che possa renderla riconoscibile.

Qualche giorno fa, è stata picchiata dalla madre alla fermata del pullman mentre stava per rientrare a casa. Il motivo? Non portava il velo e si era truccata: un atteggiamento “troppo moderno” e non in linea con i dettami dell’islam.

Secondo quanto raccontato da amici e compagni della scuola, la 15enne al mattino, nel tragitto in pullman che da casa la portava a scuola, era solita togliersi il velo e truccarsi. Probabilmente un modo per sentirsi più a suo agio o, forse, per farsi accettare meglio dai compagni. Tutto questo, ovviamente, succedeva all’insaputa dei familiari. Prima di arrivare a casa, invece, si struccava e rimetteva il velo. L’altro giorno, dopo essere uscita da scuola, mentre senza velo e ancora truccata si incamminava insieme ad alcune amiche verso la fermata dell’autobus è successo quello che non doveva succedere. Infatti, la ragazzina da lontano ha visto arrivare la madre. La donna è andata incontro alla figlia, l’ha presa per i capelli e l’ha schiaffeggiata. Una delle amiche ha cercato di intervenire per calmare le acque, ma la madre della giovane l’ha allontanata urlandole qualcosa contro. Tutta la scena è stata filmata da un’amica della giovane con il telefonino. Nel frattempo qualcuno ha chiesto l’intervento delle forze dell’ordine, in questo caso la polizia municipale, che quando sono intervenute avrebbero invitato madre e figlia ad allontanarsi e ad andare a casa. Da quel giorno, da quanto si è saputo, la ragazza si rifiuta di tornare a scuola per la vergogna. Il video dell’episodio sarebbe in mano alle forze dell’ordine.

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/toglie-velo-andare-scuola-madre-picchia-davanti-ai-compagni-1205878.html

In casa, immigrato aveva armi e cocaina

CORRIDONIA – Diventano sempre più serrati i controlli dei carabinieri della Compagnia di Macerata. Nel pomeriggio di ieri i militari della stazione di Corridonia e quelli del Nucleo operativo, durante servizi destinati alla prevenzione dei reati, hanno eseguito una perquisizione nell’abitazione di uno straniero. L’uomo in casa custodiva una pistola non denunciata e che non risulta catalogata, definita quindi clandestina, munita di proiettili. Oltre all’Arma, sono stati trovati un paio di grammi di cocaina. Lo straniero è stato arrestato e trasferito nel carcere di Camerino. Ora dovrà rispondere di detenzione di arma nonchè di sostanza stupefacente.

http://www.corriereadriatico.it/MACERATA/corridonia_carabinieri_cocaina_pistola_proiettili/notizie/1738685.shtml