Category: Firenze

Aggredita e rapinata nell’androne di casa da tunisino

Firenze – Isolotto: aggredita e buttata a terra nell’androne del palazzo dal rapinatore. Ha rapinato una donna di 69 anni nell’androne di casa ma è stato fermato e arrestato dai carabinieri che lo hanno visto allontanarsi velocemente dal palazzo, bloccandolo. In carcere, ieri, è finito un cittadino tunisino di 21 anni, bloccato nella zona dell’Isolotto a Firenze.

La donna, rapinata e spintonata a terra, se l’è vista brutta ma fortunatamente non avrebbe riportato lesioni di rilievo.

Secondo quanto spiegato dall’Arma, i carabinieri della stazione Pitti si sono insospettiti quando hanno visto il giovane allontanarsi di fretta dal palazzo.

Poco prima, il 21enne era entrato nell’androne del palazzo in cui abita la donna e, approfittando del fatto che la vittima era di spalle, le avrebbe strappato la collana di dosso, spintonandola a terra.

www.firenzetoday.it

Firenze, per gli spacciatori anche un servizio mensa stile Caritas

Firenze, così gli spacciatori controllavano il Parco delle Cascine. Per loro veniva organizzata anche una pausa pranzo

Posted by La Nazione on Friday, July 3, 2020

Peruviano sequestra due invalide ultranovantenni

Firenze – Via Montughi: straniero sequestra due anziane invalide. Si è barricato in casa tenendo in scacco due anziane di 93 e 94 anni. Le donne, una con problemi di deambulazione, l’altra attaccata a un respiratore, ieri hanno vissuto un incubo per oltre quaranta minuti tra le mura dell’abitazione dove sono accudite. Fuori dalle quali erano rimasti impotenti la badante e il compagno di lei, connazionali dell’uomo che si era blindato all’all’interno con le due pensionate.

L’uomo, 44enne, era tornato a casa ubriaco ed aveva avuto una discussione con la coppia di peruviani. Il 44enne era stato accolto nella casa nell’ultimo periodo dopo essersi trovato in profonde difficoltà economiche. Sebbene gli avessero teso la mano, il 44enne più volte avrebbe usato violenza contro la connazionale spesso perché inebriato dai fumi dell’alcol.

Sono state le volanti della polizia a mettere la parola fine alla vicenda. Gli agenti, dopo aver scavalcato un muro di recinzione, si sono introdotti nella casa forzando una portafinestra. Il 44enne, subito bloccato, è finito in manette con l’accusa di sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia. “

https://www.firenzetoday.it

Italiano massacrato da branco immigrati

Firenze – Parco delle Cascine: picchiato e rapinato nel parco. Accerchiato e aggredito da alcuni soggetti nel tratto di strada compreso tra il teatro del Maggio Musicale Fiorentino e la fermata del tram. L’episodio si sarebbe verificato tra venerdì e sabato nel parco delle Cascine. Vittima un fiorentino di 27 anni che sarebbe stato pestato da quattro uomini, dalle descrizioni di origini straniera, poi derubato e lasciato privo di sensi all’interno del parco per ore. Oltre allo smartphone, i quattro gli avrebbero portato via anche le scarpe.

Il fratello della vittima ne ha parlato al sito Isolotto Legnaia: “È stato circondato da quattro uomini di colore. Uno di loro gli ha dato un pugno in faccia e mio fratello è andato a terra, frastornato. Hanno continuato a picchiarlo senza pietà. Al che ha perso i sensi e non ricorda più nulla. Nessuno lo ha soccorso. Si è svegliato da solo tra le 4,30 e le 5 del mattino, in stato confusionale, scalzo, sanguinante, ferito, col naso rotto, la faccia tumefatta…“. La denuncia, spiega il sito, sarebbe poi stata formalizzata al comando provinciale dei carabinieri di Borgo Ognissanti.

“Il più grande parco fiorentino è lasciato in mano a spacciatori e delinquenti e, nonostante gli episodi si aumentino, di gravità e di numero, l’amministrazione PD non sta facendo alcunché” attacca Jacopo Cellai, capogruppo di Forza Italia a Palazzo Vecchio e coordinatore cittadino.

L’avvocato Guglielmo Mossuto, incaricato dalla famiglia, chiede di fare chiarezza sull’accaduto.

www.firenzetoday.it

Firenze: ragazza pestata e violentata, arrestati due Rom

Firenze – Campi Bisenzio: giovane pestata nel parco, due arrestati. La notte scorsa, poco dopo le ore 1, una 20enne è stata aggredita da due soggetti mentre si trovava con alcuni amici all’interno del giardino comunale di via Petrarca. I due, senza alcun motivo, dapprima hanno offeso la vittima con frasi a tipico sfondo sessuale e poi l’hanno palpeggiata. Quando la donna ha tentato di allontanarsi, è stata aggredita fisicamente con un pugno al viso che le procurato l’asportazione di due denti ed una profonda lesione al labbro inferiore.

La vittima, per le ferite riportate, è stata soccorsa da personale del 118 e medicata presso l’ospedale di Careggi dal quale è stata dimessa con una prognosi di 15 giorni.

Il tempestivo intervento dei carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Signa ha evitato che la situazione potesse degenerare ulteriormente vista anche la presenza di persone, testimoni dei fatti, pronti ad intervenuti in difesa della giovane.

I militari dell’Arma, dopo aver calmato gli animi, hanno ricostruito l’episodio che ha portato al rintraccio e successivo arresto dei due. Si tratta di due cittadini di etnia rom, un 30enne e un 21enne, entrambi residenti a Prato e già noti alle forze dell’ordine, arrestati con l’accusa dei reati di lesioni aggravate e violenza sessuale. Gli arrestati sono stati tradotti presso il carcere di Sollicciano.

www.firenzetoday.it

Picchiato e rapinato da immigrati al parco

Posted by La Nazione on Saturday, June 6, 2020

Ragazza picchiata e rapinata da un immigrato

Firenze – Santa Maria Novella: ragazzina presa a schiaffi e rapinata alla fermata dalla tramvia. Stava aspettando la tramvia alla fermata Santa Maria Novella di piazza Stazione, lato via Alamanni, quando all’improvviso un uomo, col volto coperto dalla mascherina anti Covid-19, le si è parato davanti e l’ha schiaffeggiata, per poi strapparle il cellulare e scappare col bottino.

La rapina è avvenuta ieri sera verso la mezzanotte. La giovane vittima, una ragazza italiana di 22 anni, si è messa a urlare ed è poi rimasta a lungo sotto choc.

Soltanto quando è rientrata a casa, spaventata e umiliata, ha trovato il coraggio di chiamare la polizia per dare l’allarme. La giovane ha descritto il suo aggressore come nordafricano.

Indaga la polizia: al vaglio degli agenti le telecamere della zona che potrebbbero aver ripreso il brutto episodio.

Va ricordato che nei pressi della stazione, proprio lato Alamanni, stazionano ormai da mesi numerosi pusher e altri soggetti già ampiamente noti alle forze dell’ordine.

www.firenzetoday.it

Immigrato rapina e aggredisce donna per strada

Posted by La Nazione on Sunday, May 17, 2020

Clandestini aggrediscono passanti e vigili a Firenze

Marocchino sull’autocertificazione: fuori per spacciare

Firenze  – “Fuori perché devo spacciare”, è la giustificazione data alla polizia da un cittadino marocchino di 33 anni dopo che era stato fermato in sella ad una bicicletta in Viale della Giovine Italia. L’episodio, che ha lasciato senza parole gli agenti del commissariato San Giovanni, si è verificato sabato sera. Indosso, nascosti negli slip, gli agenti gli hanno trovato sette dosi di cocaina.

I poliziotti, diretti dal primo dirigente Roberto Sbenaglia, avevano fermato il nordafricano per chiedere quale necessità o esigenza avesse per essere fuori viste le disposizioni stabilite per il rispetto delle norme sul contenimento del Covid-19. Da qui la richiesta di compilazione dell’autocertificazione e la singolare risposta del 33enne.

Quest’ultimo è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio e sanzionato per non aver rispettato le limitazioni sul coronavirus. L’arrestato è stato convalidato, per il 33enne è stato disposto il divieto di dimora nel comune di Firenze.

www.firenzetoday.it