Category: Ferrara

Profugo spacciatore subito scarcerato a Ferrara


La Nuova Ferrara
Profugo spacciatore subito scarcerato
La Nuova Ferrara
Arrestato con la droga torna nella struttura gestita da Camelot. La coop chiede alla prefettura la revoca dell’accoglienza di Samuele Govoni. Tags. profughi · richiedenti asilo · accoglienza · immigrati · droga. 23 settembre 2017. CODIGORO. Arrestato e …

altro »

Ferrara: gettata a terra e palpeggiata da branco immigrati

Fermata da due stranieri, palpeggiata con insistenza e scaraventata a terra. Il tutto in pieno centro, mentre stava raggiungendo il fidanzato e gli amici per concludere la serata in compagnia dopo il lavoro. Una manciata di secondi che devono essere sembrati eterni alla ragazza di 30 anni rimasta vittima di quell’aggressione a sfondo sessuale.

A delineare i contorni della vicenda è la stessa malcapitata che, dopo l’episodio, ha formalizzato una denuncia in questura. Tutto comincia intorno all’una di martedì. La donna finisce il turno di lavoro in un locale, esce e si dirige verso piazzetta San Nicolò. Qui la aspettano il fidanzato e alcuni amici. La 30enne sta camminando lungo via Croce Bianca, a due passi dal Castello e dalla piazza, quando viene avvicinata da una coppia di uomini di colore. Stando al racconto della malcapitata, i due hanno le idee molto chiare su quello che vogliono. Approfittando della sostanziale tranquillità di via Croce Bianca a quell’ora di notte e dell’assenza di testimoni, iniziano ad allungare le mani. La palpeggiano ripetutamente nelle parti intime. Poi, sempre stando al racconto della donna, davanti al suo tentativo di divincolarsi la spingono scaraventandola a terra.

Un gesto che apre uno spiraglio di salvezza per la malcapitata trentenne. Approfittando dell’attimo, si rialza e si mette a correre verso via Piangipane. Uno scatto che basta a far desistere i due molestatori, che se ne vanno per la loro strada perdendosi nella notte del centro. Scampato il pericolo, la ragazza riesce finalmente a raggiungere il fidanzato e a raccontargli l’accaduto. È scossa e provata ma fortunatamente illesa. La stessa ricostruzione finisce nero su bianco su una denuncia presentata in questura. Fotogrammi di un episodio inquietante che, tradotti nel linguaggio giuridico, si trasformano in un’indagine per violenza sessuale. La malcapitata fornisce agli inquirenti alcuni dettagli sui suoi aggressori, carpiti in quei momenti di paura. Pochi ma fondamentali elementi sui quali si sono messi al lavoro gli investigatori della polizia di Stato. La priorità adesso è dare un nome e un volto ai responsabili dell’aggressione. Un episodio preoccupante, avvenuto nel cuore di un centro storico che sempre più spesso è costretto a raccogliere i cocci della sua sicurezza perduta.

http://www.ilrestodelcarlino.it/ferrara/cronaca/palpeggiata-denuncia-1.3354838

COPPIETTA CIRCONDATA DA BRANCO AFRICANI CHE VOGLIONO LA DONNA

Momenti di vera paura per una coppia di turisti tedeschi che, mentre si stava recando a fare delle fotografie all’ex distilleria tra via Modena e via Mons. Maverna si è vista accerchiata da un gruppetto di ragazzi africani che ha puntato subito le proprie attenzioni sulla donna.

Il fatto è avvenuto nel pomeriggio di domenica. La coppia si trovava in via Scalambra, diretta all’ex distilleria, quando all’improvviso sono spuntati fuori dal nulla cinque ragazzi di colore, uno dei quali ha sferrato un pugno alla ragazza.

La coppia è riuscita a fuggire, correndo all’impazzata verso il parcheggio e rintanandosi nella loro auto. Ma gli aggressori non hanno desistito e hanno iniziato a sferrare colpi anche sulla vettura. Nel frattempo però, le urla dei giovani turisti e il rumore dei colpi dati all’autovettura, ha attirato l’attenzione di alcune persone che si trovavano nelle vicinanze che, immediatamente, hanno avvertito le forze dell’ordine. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 che hanno medicato la donna e diverse pattuglie dei carabinieri, ma gli aggressori erano già scappati. E ora le forze dell’ordine stanno cercando di individuarli.

Aggredita una coppia di turisti tedeschi

Nigeriano aggredisce poliziotta, libero

Va in questura per ritirare dei documenti ma finisce per offendere e strattonare la poliziotta che gli stava dando una mano. Una mattinata movimentata negli uffici di corso Ercole I d’Este, dove la polizia di Stato ha denunciato in stato di libertà un 41enne di nazionalità nigeriana per il reato di resistenza a pubblico ufficiale aggravata.

Il fatto è accaduto lunedì mattina quando l’uomo si è presentato in questura con l’intento di recuperare i propri documenti lasciati dallo stesso all’ufficio denunce alcuni giorni fa e per chiedere di essere rimpatriato. Ottenute le dovute delucidazioni, lo straniero ha reagito offendendo l’agente in servizio, dopodiché si è guadagnato l’uscita incamminandosi verso il centro cittadino.

Rincorso dall’operatore e afferrato per il polso al fine di invitarlo a rientrare in questura per ulteriori chiarimenti, il 41enne si è divincolato strattonando la poliziotta che a quel punto ha lasciato la presa ed è rientrata in ufficio in cerca di ausilio.

Il nigeriano è stato quindi fermato da altri operatori ed accompagnato all’interno degli uffici, dove una volta sottoposto alla procedura di identificazione è stato denunciato per quanto commesso.

Va in questura, poi offende e strattona la poliziotta

Tunisino devasta una decine di auto a Ferrara

Probabilmente è lo stesso autore del tentato furto in un negozio – arrestato nella notte tra sabato e domenica dalla polizia – la persona che ha vandalizzato alcune automobili – otto in tutto – in via Gulinelli nelle stesse ore.

Gli agenti delle Volanti stanno vagliando le segnalazioni e le denunce ricevute nella notte e verificando gli oggetti sequestrati a M.Z., il 25enne originario della Tunisia, arrestato mentre cercava di colpire nei locali di un’impresa munito di passamontagna, torcia e pistola da soft-air.

Alcuni degli oggetti trovati in suo possesso non sono infatti di proprietà delle persone derubate e, probabilmente, si tratta di oggetti prelevati dalle auto alle quali sono stati spaccati i finestrini.

Sul caso interviene Nicola Lodi della Lega che attacca il Partito Democratico al grido di “vergogna, vergogna”. “Avevo già denunciato proprio in quella via situazioni assurde, degrado e un’occupazione che va avanti da due anni – afferma Lodi -, come l’occupazione dei rom dove bivaccano proprio in quella via. Quando si documenta, si denuncia e si presentano esposti, questa amministrazione invece di agire cosa fa? Nulla. Serve controllo, serve identificare chi vive abusivamente, serve espellere chi bivacca a Ferrara. Siamo stanchi, molto stanchi. Questi danni dovrebbe farsene carico l’amministrazione, unica responsabile di un degrado oramai arrivato dentro le nostre case”.

Auto vandalizzate in via Gulinelli

Prete africano semina il panico alla guida, ubriaco fradicio

Un inseguimento folle nel cuore della notte per le strade di Ferrara, durato circa due ore e costato carissimo a un automobilista ubriaco. Al volante di una Volkswagen Lupo, un prete 45enne di origini congolesi che accelerava anche a ogni semaforo rosso, con un tasso di alcool pari a 2.55 nel sangue, cioè cinque volte il limite massimo consentito.

Dopo le prime segnalazioni di altri automobilisti, le pattuglie della polizia hanno iniziato a inseguirlo per tutta la città, riuscendo a bloccarlo dopo vari tentativi, mettendo due volanti di traverso in mezzo alla strada in via Giuseppe Fabbri. Il parroco ha però cercato di sfuggire all’identificazione e, nel tentativo di mettersi in salvo e scappare, ha seminato il panico investendo un agente di polizia. Quest’ultimo ha riportato delle lesioni al ginocchio destro.

Il prete spericolato, che esercita in una parrocchia del comune, è stato fermato, ma a causa del suo stato di ebbrezza non è riuscito nemmeno a giustificarsi. È seguito l’arresto immediato dell’uomo, trattenuto dalla polizia per la direttissima. Adesso dovrà anche rispondere dei reati di resistenza, lesioni e danneggiamento aggravato.

http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/12346134/ferrara-prete-congolese-ubriaco-inseguito-ferisce-agente-arresto.html

Immigrati devastano Ferrara: perché devo sopportare tutto questo?

Extracomunitari a Ferrara: perché devo sopportare tutto questo?
Corriere della Sera
Spettabile Severgnini, ma perchè devo per forza essere politicamente corretto? Perchè non devo essere incazzato per il fatto che Ferrara, la mia adorata città, vive un degrado mai visto prima ad opera di orde di immigrati extracomunitari che hanno reso …

Calci e pugni ai carabinieri, arrestato Nigeriano

Calci e pugni ai carabinieri per evitare il controllo

Arrestato un 21enne durante un servizio del Norm in zona Gad

Ha cercato di evitare i controlli da parte dei carabinieri colpendoli con calci e pugni. Ma l’unica cosa che ha ottenuto è lo scatto delle manette ai suoi polsi per resistenza a pubblico ufficiale.

Il fatto ad opera di un giovane cittadino nigeriano – A.T., 21 anni – è accaduto nel pomeriggio di sabato durante un servizio dei militari del Norm in zona Gad.

Calci e pugni ai carabinieri per evitare il controllo

fact_icon

Donna aggredita in casa nel ferrarese: “E’ stato un Nero”


ANSA.it
Donna aggredita in casa nel ferrarese – Emilia-Romagna – ANSA.it
ANSA.it
Una donna è stata aggredita in casa con una coltellata all’addome ieri nel ferrarese. Ricoverata a Bologna non è in pericolo di vita. La vicenda, dai contorni …
Aggredita in casa denuncia: «È stato un uomo di colore». Ma la …Il Secolo d’Italia
Donna accoltellata sulla porta di casa, grave al MaggioreBolognaToday
Donna accoltellata, l’aggressore in fuga – Cronaca – La Nuova FerraraLa Nuova Ferrara

tutte le notizie (11) »

CLICCARE SUL LINK PER LA FONTE DELL’ARTICOLO

Picchiato con un martello in testa da tre immigrati


La Nuova Ferrara
Picchiato con un martello in testa, finisce all'ospedale – Cronaca – La …
La Nuova Ferrara
Aggressione in zona Diamantina, denunciati i tre autori del pestaggio. Un ladro sorpreso mentre ruba in una cantina in via Modena: bloccato dalla polizia di …

altro »

CLICCARE SUL LINK PER LA FONTE DELL’ARTICOLO