Category: Como

MAROCCHINO DISTRUGGE PRONTO SOCCORSO: “DOVETE PRIMA VISITARE ME”

Un marocchino di 29 anni si è barricato nel Pronto soccorso dell’ospedale di Cantù, assalendo chiunque cercasse di avvicinarsi. I carabinieri per neutralizzarlo sono stati costretti ad utilizzare lo spary al peperoncino.

A tenere in ostaggio domenica mattina operatori sanitari, pazienti e accompagnatori del reparto di emergenza Sant’Antonio Abate di Cantù è stato un senza fissa dimora che reclamava di essere subito visitato per una ferita ad un braccio. Ha insultato medici e infermieri e poi se l’è presa anche con le altre persone. Per questo sono stati chiamati i rinforzi con i militari del Nucleo radiomobile della compagnia cittadina.

L’uomo tuttavia si è barricato in una sala visite, lanciando contro gli operatori del 112 tutto ciò che gli capitava a portata di mano: confezioni di medicinali, strumenti chirurgici, persino un’apparecchiatura per effettuare gli elettrocardiogrammi, un erogatore di ossigeno e un letto. I carabinieri alla fine hanno dovuto optare per le maniere drastiche, spruzzandogli contro lo spray urticante.

L’extracomunitario è stato arrestato per violenza a pubblico ufficiale, resistenza, danneggiamento aggravato e interruzione di pubblico servizio. E’ stato poi condannato per direttissima a un anno e sei mesi di reclusione ma con la sospensione della pena. Per questo si trova già a piede libero.

http://www.ilgiorno.it/como/cronaca/aggressione-ospedale-cantu-1.3332268

PROFUGHI ASSALTANO AGENTI A SASSATE, VIOLENZA A COMO

Mezzanotte da incubo di fronte all’ufficio postale: bottiglie e sampietrini usati come armi. Le volanti arrestano tre giovani richiedenti asilo alloggiati a Sagnino e un marocchino residente a Cantù

Lanciavano quadrelli di porfido e bottiglie all’indirizzo della polizia, brandivano i piedistallo in granito degli ombrelloni dei bar neanche fossero bastoni, uno di loro ha addirittura sollevato dal suo alloggiamento un tombino in ghisa, mandandolo in frantumi e utilizzandone i pezzi come tirapugni.

È accaduto attorno alla mezzanotte di sabato in via Bellinzona, a Monte Olimpino, di fronte all’ufficio postale, dove la polizia era intervenuta in forze per sedare una rissa che vedeva coinvolte una quindicina di persone, ivi comprese un paio di giovani donne, quasi tutte straniere.

http://www.laprovinciadicomo.it/stories/como-citta/como-rissa-tra-migranti-sassaiola-contro-la-polizia-e-quattro-arresti_1249762_11/

Como, egiziano picchia agenti che chiedevano documenti

E’ finito nei guai per aver picchiato due agenti che gli avevano chiesto i documenti un diciottenne egiziano, fermato alle 4 e 30 del mattino in via San Francesco D’Assisi. Il ragazzo camminava a passo sostenuto a bordo strada quando gli agenti, insospettiti, si sono affiancati a lui chiedendogli le generalità.

Il ragazzo agitato e poco collaborativo anziché mostrare i suoi documenti ha tirato uno spintone a uno dei agenti, colpendo l’altro con un calcio al ginocchio. Gli uomini della Questura hanno cercato di immobilizzarlo dopo avergli spruzzato dello spray al peperoncino, ma lui ha continuato ad accanirsi contro l’agente. Solo grazie all’intervento di un’altra volante gli agenti sono riusciti a fermare la sua furia, caricandolo in auto dove il giovane, non potendo più prendersela con i poliziotti, ha cercato di prendere a testate il lunotto dell’auto nel tentativo di ferirsi.

Una volta arrivato in Questura è stato identificato e arrestato per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, oltre che per lesioni personali.

http://www.ilgiorno.it/como/cronaca/como-picchia-agenti-arrestato-1.3239738

Como, minacciano di sgozzarlo mentre va a scuola

Paura ieri mattina in via Giulini poco prima della campanella delle 8. Due gli aggressori in azione – La vittima stava camminando verso scuola: minacciato, ha consegnato il portafoglio e il denaro che aveva con sè

Va a piedi a scuola, ma due rapinatori gli puntano un coltello alla gola e lo derubano.

Tra studenti, prèsidi e docenti, c’è grande sconcerto per una brutta rapina consumata ieri in città, avvenuta di prima mattina in pieno centro, in una zona in cui ogni giorno transitano centinaia e centinaia di ragazzi prima del suono della campanella.

La vittima è uno studente dell’ultimo anno dell’istituto Pascoli che, sceso dal pullman, stava raggiungendo la scuola. Passato accanto a “Il Libraccio”, tra via Giulini e via Mentana, è stato avvicinato da due uomini. Dalla descrizione che il giovane ha poi fornito alle forze dell’ordine i due malviventi potevano avere all’incirca trent’anni. Uno, dato il colore della pelle, potrebbe essere d’origine straniera, invece l’altro – così ha riferito sempre la vittima – sarebbe italiano.

Minacciato addirittura alla gola con una lama, il ragazzo ha consegnato tutto ciò che aveva senza opporre resistenza. Gli hanno portato via il portafoglio, con denaro contante e documenti, ma niente smartphone o tablet. È una consuetudine per i malviventi visto l’alto il rischio di venire geo localizzati proprio grazie a questi apparecchi informatici. La vittima della rapina si è poi recata in questura a formalizzare la denuncia, soltanto più tardi, accompagnato dalla madre, è arrivato finalmente a scuola. Chi l’ha accolto ha raccontato che il giovane era ancora sotto choc.

http://www.laprovinciadicomo.it/stories/como-citta/coltello-alla-gola-studente-rapinatosceso-dal-bus-stava-andando-a-scuola_1231889_11/

Como, marocchino passeggia con un macete poco prima aveva …


ilMetropolitano.it (Comunicati Stampa)

COMO: SMARTPHONE RUBATI NEL CENTRO PROFUGHI

Alta tensione al centro migranti

Tutto per sette cellulari rubati

Intervento della polizia per riportare la calma tra i profughi. Tre di loro denunciati a piede libero per furto, restituiti i telefoni

Como

Alta tensione l’altro pomeriggio all’interno del centro migranti gestito da Caritas, Cri e prefettura in via Regina Teodolinda. Secondo quanto ricostruito in queste ore, la polizia – per l’esattezza alcuni agenti del reparto celere di servizio alla stazione di Como San Giovanni – sono dovuti intervenire all’interno del centro per riportare la calma al culmine di una brutta mezz’ora di discussioni. La tensione – senza che per fortuna nessuno passasse alle vie di fatto, anche se a quanto pare c’è mancato poco -, la tensione è salita in seguito alla sparizione di sette telefoni cellulari, di proprietà di altrettanti ospiti che agli agenti hanno subito indicato i sospetti. Si trattava, e si tratta, di tre migranti, due originari del Gambia, uno della Nuova Guinea (uno dei tre è anche componente la folta pattuglia di ospiti minorenni del centro), che i poliziotti hanno caricato in auto e trasferito in questura, anche per sottrarli alla rabbia degli altri, nel tentativo, riuscitissimo, di riportare la calma. I telefoni sono stati recuperati pochi minuti più tardi, al termine di un rapido interrogatorio concluso con l’unico esito possibile, e cioè la denuncia a piede libero per furto nei confronti dei tre. La restituzione della refurtiva è coincisa con l’immediato ritorno della calma.

http://www.laprovinciadicomo.it/stories/como-citta/alta-tensione-al-centro-migranti-tutto-per-sette-cellulari-rubati_1214642_11/

Como: profughi ospiti Croce Ro$$a rapinano ‘mediatore’

Como: spacciatore marocchino in fuga investe poliziotto, grave


Blitz quotidiano
Como: spacciatore marocchino in fuga investe poliziotto, è grave
Blitz quotidiano
Lo riportano stamani alcuni quotidiani. L’episodio è avvenuto a Mariano Comense (Como), durante un’operazione antidroga della polizia di Lecco. Due agenti hanno individuato in auto un ricercato, un presunto spacciatore di origine marocchine, e lo hanno …
Mariano comense, poliziotto investito da un ricercato nel Comasco …Corriere della Sera
Mariano Comense, grave poliziotto di Lecco investito da pusher …La Prima Pagina
Lecco: poliziotto investito Grave in RianimazioneLa Provincia di Lecco
Il Cittadino di Monza e Brianza –L’Unione Sarda –CiaoComo.it
tutte le notizie (25) »

Marocchino esige di salire su bus con bidoni spazzatura, aggredisce autista


CiaoComo.it
Aggredisce autista del bus Poliziotto in borghese lo ferma
La Provincia di Como (Registrazione)
L’uomo voleva salire con un bidone della spazzatura pieno di zerbini. Al “no” dell’autista ha reagito. Botte anche all’agente. Voleva salire a bordo del bus di linea (il numero 5 per Civiglio) con un enorme bidone della spazzatura pieno di zerbini
Prima insulta l’autista del bus, poi aggredisce il poliziotto: arrestatoCiaoComo.it

tutte le notizie (3) »

Cerca di rubare un cellulare sul bus, fermato tunisino


CiaoComo.it
Cerca di rubare un cellulare sul bus, fermato 26enne tunisino
CiaoComo.it
La polizia ha arrestato nelle ultime ore un 26enne tunisino sorpreso mentre cercava di rubare un telefono cellulare su un bus. L’episodio ieri mattina verso le 10.30, quando gli agenti sono stati inviati in via Milano a seguito di una segnalazione
Ruba il cellulare sull’autobus: bloccato e arrestatoCorriere di Como
Cro – Como, ruba un portafoglio su un bus: ArrestatoPPN – Prima Pagina Newstutte le notizie (3) »