Category: Catania

Donna sgozzata in centro profughi da immigrato

E’ stata uccisa la notte scorsa all’interno del centro d’accoglienza per richiedenti asilo di Mineo. L’omicida, secondo le prime indiscrezioni raccolte da MeridioNews, avrebbe agito impugnando un coltello, utilizzato per colpire la sua vittima all’altezza della gola.

La donna, che avrebbe un’età compresa tra 25 e 30 anni, era madre di due bambini, arrivata in Sicilia a dicembre 2016. A trovarla, a quanto pare già senza vita, sono stati alcuni volontari della Croce rossa che lavorano all’interno del centro. L’autore del delitto, che non è un ospite del Cara, è un uomo proveniente dal Mali, arrivato nell’Isola dal Nord Italia. Dopo avere commesso il delitto, a quanto pare davanti gli occhi dei figli della vittima, l’uomo si è allontanato da Mineo cercando di fuggire, ma è stato arrestato dopo alcune ore a una fermata degli autobus a Catania.

http://catania.meridionews.it/articolo/61774/cara-mineo-sgozzata-donna-allinterno-della-struttura-assassino-arrestato-Catania-/

Adesso gli inquirenti, con il caso affidato dalla procura di Caltagirone alla polizia, sono a lavoro per cercare di mettere insieme i pezzi di questo rebus per capirne principalmente il movente. L’ipotesi più accreditata è quella del delitto al culmine di una lite.

Aggredisce a pietrate una donna con una neonata: arrestato nigeriano

Aggredisce e lancia una pietra ad una donna con una neonata: arrestato nigeriano

Gli agenti delle volanti hanno arrestato il 19enne Egubor Kelvin, cittadino nigeriano, per tentata estorsione. Il giovane, senza fissa dimora, ha già dei precedenti per tentato omicidio doloso, lesioni personali, violenza e minaccia a pubblico ufficiale.

Durante un servizio di controllo del territorio i poliziotti passando per il viale Vittorio Veneto hanno sentito urlare una donna con un passeggino, nel quale si trovava la figlia di soli 5 mesi, che ha affermato di essere stata aggredita da un giovane extracomunitario, poi allontanatosi rapidamente verso viale Libertà. Gli agenti hanno immediatamente bloccato il giovane, che si era avvicinato alla vittima chiedendo con insistenza dei soldi e al rifiuto della signora è andato in escandescenza, insultandola e lanciandole contro una grossa pietra.

Alla scena hanno assisitito alcuni passanti che hanno aiutato la donna. Dopo gli accertamenti di rito e la presentazione della denuncia da parte della donna, il nigeriano è stato rinchiuso nel carcere di piazza Lanza, in attesa del giudizio  direttissimo.

 

Potrebbe interessarti: http://www.cataniatoday.it/cronaca/viale-vittorio-veneto-lancia-pietra-contro-donna-neonata-arrestato-nigeriano-9-dicembre-2017.html

Il colf cingalese stupra figlia dei padroni di casa

Un cingalese di 33 anni è stato arrestato a Mascalucia (Catania) con l’accusa di violenza sessuale. La vittima è una 14enne che avrebbe subito le attenzioni sessuali dell’uomo che svolgeva da dieci anni le mansioni di domestico per la famiglia. E’ stata la stessa ragazzina qualche giorno fa a confidare alla madre che il 33enne negli ultimi tempi la invitava spesso a “giocare” nello scantinato dell’abitazione.

http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/sicilia/catania-domestico-abusa-ragazzina-14-anni-arrestato_3084213-201702a.shtml

Profugo violenta una ragazza al Cara di Mineo, arrestato


La Sicilia

Il Cara di Mineo torna a far parlare di sé per l’ennesimo fatto di cronaca.

Un pakistano di 33 anni, ospite del centro, è stato arrestato per aver commesso una violenza sessuale a danno di una cittadina nigeriana che ha sporto denuncia presso il posto di polizia del centro per richiedenti asilo.

La donna, anch’essa ospite del Cara, ha raccontato di essere stata violentata da un uomo che dopo aver sfondato la porta d’ingresso del suo alloggio, l’ha schiaffeggiata e denudata. A fermare l’abuso, come si legge sul Corriere del Mezzogiorno, è stato un terzo uomo che, rientrando nell’abitazione, è stato attirato dalle urla della nigeriana ed è andato in suo aiuto, portando il pakistano all’esterno dello stabile. Il pm ha espresso parere favorevole all’arresto dell’aggressore poiché è “plausibile” ritenere che l’uomo possa commettere “altri delitti della stessa specie e stante la gravità dei fatti addebitati”.

Tenta di violentare donna incinta: ​è un profugo senegalese


il Giornale
Tenta di violentare donna incinta: ​nei guai senegalese nel Cara di …
il Giornale
Finisce in manette un senegalese uscito dal Cara di Mineo che ha provato a violentare una donna incinta.

altro »

Immigrati violentano donna a Catania: cranio e costole rotte


L’Urlo
I carabinieri di Giarre hanno arrestato nella flagranza un romeno di 44 anni che ha violentato sul lungomare una donna di 49 anni, di professione collaboratrice domestica. Ieri sera la donna si era recata sul lungomare di Riposto e, dopo aver acquistato un panino e una coca cola, si era appartata sugli scogli per poterseli gustare in santa pace. Poco dopo, due immigrati, sorprendendola alle spalle l’hanno immobilizzata e, dopo averla presa a calci e pugni, costretta a subire delle pratiche sessuali.

La donna, approfittando di un momento di distrazione di uno di loro, intento a sbronzarsi di alcol, si è divincolata fuggendo in strada dove ha iniziato ad urlare attirando l’attenzione di una “gazzella” che stava transitando in zona. I militari, scesi dall’auto, hanno prima soccorso la vittima per poi porsi all’inseguimento del romeno arrestato, mentre il complice è riuscito a fuggire.

I medici le hanno riscontrato un trauma cranico e diverse fratture alle costole rilasciando una prognosi di 30 giorni.

http://www.cataniatoday.it/cronaca/violenza-sessuale-lungomare-riposto-1-aprile-2017.html

Romeno violenta donna sul lungomare di Riposto, arrestato
L’Urlo
I Carabinieri della Stazione di Riposto e del Nucleo radiomobile della Compagnia di Giarre hanno arrestato nella flagranza un romeno di 44 anni, già gravato da precedenti di polizia, poiché ritenuto responsabile di violenza sessuale in concorso.
Violenta una connazionale, arrestato romenoGazzetta del Sud

tutte le notizie (2) »

Marocchino preso in stazione con quattro spade e due machete


Gazzetta del Sud
Marocchino preso alla stazione con quattro spade e due machete
CataniaToday
C’erano poi una balestra smontata e due machete ricurvi della lunghezza di 40 centimetri ciascuno. L’uomo era inoltre privo di documenti ed ha dichiarato di essere marocchino. Alle sue spalle c’erano già diversi precedenti per reati contro il patrimonio.
Nei sacchi neri le armi bianche: alla Stazione di Catania con spade …BlogSicilia.it

tutte le notizie (3) »

SPARATORIA TRA IMMIGRATI A CATANIA: MORTO E FERITO

Un romeno di 27 anni è morto stamattina nell’ospedale Vittorio Emanuele di Catania poco dopo essere stato ricoverato per ferite da arma da fuoco. Con lui ricoverato un marocchino di 24 anni, colpito in maniera non grave da colpi di pistola. I due sarebbero rimasti coinvolti in una lite scoppiata in un locale notturno vicino alla zona della stazione ferroviaria, che sarebbe proseguita anche fuori dalla struttura dove c’è stata la sparatoria. Il ferito ha confermato l’aggressione, forse da parte di altri extracomunitari, ma non ha saputo fornire le loro identità. Indagano i carabinieri del comando provinciale di Catania.
http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2017/01/08/sparatoria-a-catania-1-morto-e-1-ferito_cdcfaf55-d321-41d9-b5fb-7bd435962e3b.html

HANNO STUPRATO UNA DONNA: ARRESTATI 4 PROFUGHI DEL CARA MINEO


Hashtag Sicilia
CARA Mineo: stupro, violenza e minacce di morte. Fermati quattro …
Quattro nigeriani ospiti del CARA di Mineo sono stati posti in stato di fermo nella giornata di ieri dalla polizia di Caltagirone, perché gravemente indiziati dei reati di violenza sessuale di gruppo, furto, lesioni e danneggiamento in danno di  

Nigeriano tenta di strangolare poliziotto in stazione


CataniaToday
Nigeriano tenta di strangolare poliziotto in stazione: nello zaino …
CataniaToday
La polizia ferroviaria è intervenuta sul treno Catania-Palermo perchè un nigeriano senza biglietto creava problemi al personale delle ferrovie. Dopo essere …

altro »