Category: Bolzano

Nigeriani senza biglietto spaccano il naso a poliziotto

https://www.lavocedibolzano.it/rapina-in-treno-arrestati-3-nigeriani-alla-stazione-di-bolzano-uno-di-loro-rompe-il-naso-a-un-poliziotto/

Tre giovani nigeriani di 21, 26 e 28 anni sono stati arrestati per rapina aggravata in concorso e resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale dalla Polizia Ferroviaria di Bolzano, con la collaborazione delle volanti della Questura.

Il fatto è accaduto nel pomeriggo di mercoledì 13 gennaio verso le 14.30, a bordo del Regionale 3843 diretto a Verona. Poco prima della fermata di Ora, un ragazzo nigeriano è stato avvicinato da alcuni coetanei che gli hanno strappato di mano con la forza il suo telefono, minacciandolo pesantemente di morte se avesse reagito o avvisato qualcuno.

La vittima, però, non si è persa d’animo ed ha avvisato immediatamente il capotreno che, intervenuto nella carrozza dove vi era il gruppo degli aggressori, nulla ha potuto fare intimorito dalla reazione dei soggetti che hanno cominciato a sbattere violentemente le mani sulle pareti della vettura, alzando la voce.

Il capotreno ha immediatamente allertato la Polizia Ferroviaria di Trento che si è fatta trovare al binario: raccolta nell’immediatezza la denuncia, ed intuito che gli autori del fatto erano sicuramente scesi ad una fermata precedente, per fare ritorno in direzione opposta, ha avvisato immediatamente i colleghi di Bolzano affinché controllassero i convogli in arrivo da Trento.

I poliziotti, giunto il treno regionale a Bolzano, hanno riconosciuto i tre stranieri e li hanno bloccati, con il telefono della vittima ancora in tasca. Sentendosi scoperti, i tre nigeriani hanno da subito opposto resistenza fino a quando sono stati condotti negli uffici di Polizia, dove uno di loro ha sferrato un pugno al volto di uno degli agenti della Squadra Volante, nel frattempo intervenuti in ausilio, provocandogli la rottura del setto nasale.

I tre sono stati arrestati e portati in carcere a Bolzano in attesa dell’udienza di convalida. Questa mattina il Giudice per le indagini preliminari di Bolzano, a seguito dell’interrogatorio di garanzia, ha convalidato l’arresto e disposto la custodia cautelare in carcere.

Immigrato massacra di botte l’autista del bus e lo lascia a terra nel sangue

Bolzano, immigrato massacra di botte l’autista del bus e lo lascia a terra nel sangue: era senza biglietto

Autista di un autobus aggredito e derubato per aver chiesto il biglietto.  È accaduto a Selva di Val Gardena in provincia di Bolzano. I carabinieri di Ortisei hanno arrestato un ventenne per rapina e denunciato a piede libero le sue due compagne di malefatte. Una scena di sconsiderata violenza. Un gruppo di giovani ha aggredito brutalmente l’autista di un autobus di linea extraurbana, ferendolo al volto e distruggendo le vetrate del bus per guadagnare l’uscita. Poi gli hanno rubato il telefonino.

Bolzano, autista di un bus aggredito

Un senzatetto tunisino e due giovani italiane sono i protagonisti di questo episodio. Secondo quando appurato dai carabinieri, il tunisino avrebbe reagito violentemente alla richiesta dell’autista di esibire il biglietto. Lo ha preso a calci  e pugni fino a lasciarlo stordito a terra. Successivamente i tre si sono spostati al centro della vettura dove, utilizzando il martello di sicurezza, hanno infranto i vetri della porta aprendo un uscita da cui dileguarsi. L’ intervento dei militari ha permesso di prestare immediato soccorso al conducente ferito. Poi hanno rintracciato i tre giovani ancora nei pressi, sporchi di sangue e in possesso del telefono sottratto all’autista.

Le escoriazioni sulle mani del tunisino

A tradire l’aggressore sono stati i profondi segni e le escoriazioni rimaste sulle sue mani a causa dei violenti colpi inferti al conducente del bus, immediatamente notate dei militari durante il controllo. Insospettiti dalle ferite ancora sanguinanti i carabinieri hanno proceduto a una perquisizione personale rinvenendo il telefono oggetto della rapina.

Ladro africano in fuga precipita e muore

In tre bloccano immigrato che vuole ferire passanti

Rimprovera immigrati molesti: autista preso a testate

La colpa dell'uomo? Averli rimproverati

Posted by Il Giornale on Thursday, December 5, 2019

Nigeriano aggredisce ragazza, poi massacra l’uomo che la difende

Posted by La Voce Del Trentino on Sunday, June 23, 2019

Bolzano, a 16 anni violentata mentre torna da scuola: caccia a 2 nigeriani

https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/trentino-alto-adige/bolzano-ragazza-di-16-anni-violentata-mentre-tornava-da-scuola-la-polizia-sulle-tracce-di-due-senzatetto_3207250-201902a.shtml
A 16 anni stuprata mentre torna da scuola: caccia a 2 nigeriani (profughi)
Violentata mentre torna da scuola: si parla di “rito iniziatico” nigeriano

Bolzano, albanese accoltella fidanzata in strada: bloccato da passanti

Bolzano, albanese accoltella fidanzata in strada: fermato da passanti  ilGiornale.it

Stamane a Bolzano un albanese ha accoltellato la sua fidanzata, e connazionale, mentre spingeva il passeggino della figlia La vittima è in gravi condizioni.

15enne italiana pestata in classe da 10 marocchine

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/violenza-contro-15enne-scuola-padre-pestata-marocchine-1644405.html?fbclid=IwAR3L88kQzV8a2hsnbEObU-xqoJZO-iDkP3NAtSt8BcXEu8m33mtl1gOezzs
15enne italiana massacrata in classe da 10 compagne marocchine – FOTO

Rifiutano droga, pusher pakistano aggredisce coppia e vigile

http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2019/01/31/aggressione-a-bolzano-ferito-un-vigile_00a095c3-2f6a-468a-82f6-8f7788f4ce34.html

(ANSA) – BOLZANO, 31 GEN – Un vigile urbano è rimasto ferito, in modo lieve, durante un’aggressione nel parco della stazione di Bolzano. Un pakistano, così la ricostruzione delle forze dell’ordine, aveva tentato di vendere della droga a una donna che transitava per il parco ed al suo diniego è andato in escandescenza, scagliando un oggetto contro il marito della donna. Solo a fatica e con l’aiuto di una pattuglia di polizia i vigili sono riusciti ad ammanettarlo. Portato al comando dei vigili urbani ha continuato ad opporre resistenza, rendendo necessario l’intervento di un medico d’urgenza e il ricovero nel reparto di psichiatria dell’ospedale di Bolzano.