Campo nomadi del Comune: il 60% ha precedenti penali, stupratore fugge aiutato dai Rom – VIDEO

20-12-2014

Controlli a tappeto nel campo rom di via di Salone. Gli agenti di Polizia hanno effettuato un servizio straordinario tra i container dell’insediamento: 170 le persone identificate di cui 84 con precedenti di Polizia a carico e 20 gli stranieri accompagnati per l’identificazione presso l’ufficio immigrazione della Questura, perché trovati senza documenti di identificazione.

Durante i controlli gli agenti hanno rintracciato un minore nei cui confronti è risultato un ordine di carcerazione per il reato di violenza sessuale, commesso lo scorso 6 dicembre in zona Prenestina. Arrestato, si era dato alla fuga lasciando la struttura dove era stato collocato. Rintracciata anche una romena minorenne che, in attesa di sposarsi con un connazionale, era stata affidata dalla madre a un’altra cittadina straniera a sua volta allontanatasi dal campo. La giovane è stata quindi collocata in un centro di accoglienza del Comune in attesa che gli accertamenti facciano chiarezza sull’intera vicenda.

Controllata dagli agenti della polizia stradale anche un’autovettura che è stata sequestrata sia perché destinataria di un provvedimento di sequestro per intestazione fittizia che per mancanza della prevista copertura assicurativa. Il servizio è stato effettuato dagli agenti del Reparto Volanti, Squadra Mobile, Ufficio Minori, Polizia Scientifica, Ufficio Immigrazione e Polizia Stradale.

Potrebbe interessarti: http://www.romatoday.it/cronaca/controlli-campo-rom-via-di-salone.html

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Roma

RSS Feed Widget

2 comments on “Campo nomadi del Comune: il 60% ha precedenti penali, stupratore fugge aiutato dai Rom – VIDEO

  1. amicomio ha detto:

    In effetti il vostro non è un sito razista. La parola corretta, così magari imparate qualcosina anche voi, è XENOFOBO (dal greco antico, “paura del diverso”; composto da ξένος, xenos, “estraneo, insolito” e φόβος, phobos, “paura”). Ritenere che la maggior parte dei crimini siano fatti dagli “immigrati” è come prendersela con le streghe quando si diffonde una malattia grave. E’ stato fatto, per secoli (non so da quando esistete, ma non credo da molto e spero per poco ancora), ma oggi riconosciamo che era l’ignoranza ha vincere, non la ragione. Fate veramente vergognare e la punizione che meritereste sarebbe, per contrappasso, finire voi classificati come “immigrati” perché di italiani come voi ne facciamo voelntieri a meno.

  2. admin ha detto:

    Lei è affetto da un mal riposto senso di superiorità, oltre che da xenofilia. Siamo stati minacciati da persone più importanti di lei e del suo stesso livello intellettivo. A differenza sua, sapevano anche scrivere in modo grammaticamente corretto.

Lascia un commento