Bimbo difende bambina: picchiato dai compagni maghrebini

08-03-2017

Hanno solo 10 anni, ma sanno già come alzare le mani e come fare del male. Un piccolo studente di Lendinara, di 10 anni è stato vittima dei calci e dei pugni di tre coetanei dentro il pulmino che, dalle scuole elementari Baccari, lo trasportava a casa.

E’ accaduto sabato 4 marzo e, a causa delle percosse ricevute, il bambino dovrà rimanere cinque giorni a casa, rifarsi gli occhiali e ritrovare il coraggio di salire su quel pulmino.

E’ accaduto intorno alle 12.20, all’uscita della scuola. Secondo il racconto che il bimbo ha fatto al padre e al medico del pronto soccorso di Trecenta che lo ha visitato e curato, un coetaneo marocchino salito sul treno ha insultato una bimba e l’ha sbeffeggiata per le sue origini.

Il compagno di classe ha voluto difenderla dicendo al marocchino di lasciarla in pace. Ne è seguito uno scontro verbale anche pesante. Finché, sempre dentro il pulmino, che era parcheggiato in attesa che gli altri studenti salissero nel mezzo, il fratello di un anno più grande del magrebino e un altro bambino, dunque in tre, hanno preso a calci e pugni il loro compagno di scuola.

http://www.polesine24.it/Detail_News_Display/BadiaLendinara/tre-bulli-malmenano-e-mandano-all-ospedale-un-bimbo-di-10-anni

ARTICOLI CORRELATI

Crimini Immigrati, Rovigo

RSS Feed Widget

Lascia un commento