Barista pestato da famiglia Rom

08-03-2015

Che il rione di Cristo – Re fosse a rischio micro criminalità e degrado questo si sapeva, a questo proposito la Lega prima con un gazebo/raccolta firme e poi anche attraverso alcune interrogazioni aveva messo in guardia l’amministrazione comunale del peggioramento della situazione.

Ad aggravare ancora di più la situazione un grave episodio successo venerdì sera fuori dallo storico bar Zinzorla in piazza Cantore.

Il titolare del bar Zinzorla, Walter Tonini, è stato minacciato e picchiato da un cliente prima, e dal figlio di questi, poi.

Erano le 20.30 quanto il Tonini facendo le pulizie prima di chiudere il bar, (l’orario di chiusura è alla 21.00) aveva invitato, un nomade che abita poco lontano dal bar e che stava giocando alle macchinette, a finire la giocata e ad andarsene.

La risposta del nomade però è stata piuttosto violenta, infatti questi ha cominciato ad inveire contro il titolare del bar accusandolo che l’apparecchio gli aveva rubato dei soldi e che voleva fare il furbo.

Tonini a questo punto, stanco e consapevole di doversi fare ancora un’ora di lavoro prima di chiudere il bar ha invitato il nomade ad uscire e lo ha accompagnato alla porta, l’uomo per tutta risposta gli ha sferrato un pugno facendolo cadere per terra. Tonini ha chiamato subito le forze dell’ordine, ma nel frattempo è arrivato il figlio dell’uomo in cerca di vendetta (e non si bene il perché) che ha sferrato al povero malcapitato un altro pugno.

All’arrivo delle forze di polizia il drappello di nomadi si era nel frattempo esteso a tutta la famiglia che intendeva regolare i conti con il povero barista. C’è voluta tutta la calma e la professionalità delle forze dell’ordine per riportare la calma, infatti la famiglia di nomadi per nulla intimorita dalla presenza dedlla polizia intendeva ancora aggredire il titolare del bar.

Laconico il commento di Walter Tonini, «So che l’unica cosa che posso fare ora è sporgere querela, ma è tempo buttato. Quello che mi avvilisce è che troppa gente qui in città sta cominciando ad approfittare così della gente onesta, sapendo che poi la faranno franca».

http://lavocedeltrentino.it/index.php/breaking-news-trentino/19166-titolare-del-bar-zinzorla-aggredito-da-famiglia-di-nomadi

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Trento

RSS Feed Widget

Lascia un commento