Marocchini molestano ragazza locale, scontri con autoctoni

09-04-2018

    1. Movida, un apprezzamento di troppo e scoppia una violenta rissa  ciociariaoggi.it
    2. Movida con rissa tra giovani ubriachi a Cassino, due arresti: si …  Il Punto a Mezzogiorno

Full coverage

L’innesco
Tutto sembra partire da un giocoso apprezzamento a una giovane, diventato sempre più insistente. Alla richiesta di smetterla, si vede volare un sonoro pugno. È solo il primo innesco lungo corso della Repubblica. Parte un alterco, spintoni, sedie, qualche calcio ma gli animi vengono placati. Pochi passi più avanti uno dei protagonisti – raccontano i ragazzi sul posto – avrebbe insistito, iniziando a sferrare colpi a chiunque. «Ha preso anche un minorenne», riferiscono i presenti, nei commenti a caldo. È in questo preciso momento – in una ricostruzione assolutamente ancora al vaglio – che si scatena il pandemonio e si perde il senso del limite e pure le staffe.

La rissa

Parte così la rissa. Da una parte i marocchini, dall’altra alcuni giovani del posto a cui si aggiunge pure chi si ritrova coinvolto suo malgrado. Le ragioni sembrano svanire in quel ring improvvisato. Quasi impossibile recuperarle. L’istantanea rende questa immagine: giovani che si azzuffano a squadroni. Pericolosamente. Ma qualcuno, fortunatamente, ha già composto i numeri dell’emergenza, altri provano a mettere pace. E carabinieri e polizia sono subito sul posto, entrambi impegnati in controlli nella zona. Giunge anche la Finanza e tutti insieme, quasi in fila, tagliano in due quella folla tumultuosa.
I due che vengono caricati sulle auto si scagliano violentemente contro gli uomini in divisa. Alla richiesta dei documenti, che si rifiutano di esibire, iniziano a inveire minacciando di morte gli operanti, nonché opponendo resistenza, sferrando calci e pugni all’atto di essere introdotti all’interno delle autovetture di servizio. Addirittura il personale del Commissariato viene refertato in ospedale per le lesioni riportate. Così i militari del Norm della Compagnia di Cassino, congiuntamente al personale del locale Commissariato, traggono in arresto per i reati di resistenza – minacce a pubblico ufficiale, rifiuto di fornire le proprie generalità, lesioni personali, nonché denunciati per rissa aggravata, un ragazzo di 29 anni marocchino, già censito per reati analoghi reati e un ventiduenne, già censito per maltrattamenti in famiglia.

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Frosinone

RSS Feed Widget

Lascia un commento