Attimi di terrore, bloccata alle spalle: “Quel mulatto ha tentato di stuprarmi”

24-04-2017

Ha vissuto minuti di totale terrore, braccata da uno sconosciuto ubriaco che la tratteneva cingendola da dietro e trascinandola in cerca di un angolo nascosto. A raccontare il brutto tentativo di stupro che si è verificato nella zona della stazione non nel cuore della notte, ma intorno alle 20,30 di venerdì scorso, è una 19enne forlivese, commessa in un negozio di abbigliamento. La ragazza si trovava nel parcheggio pubblico antistante I Portici, nel lato verso la stazione ferroviaria, in attesa dell’arrivo di un suo amico, quando all’improvviso si è presentato un soggetto completamente ubriaco.

“Era molto insistente, visibilmente ubriaco, di carnagione scuro-mulatto, intorno a 35-40 anni di età. Non parlava in italiano, ma in inglese. Inizialmente l’ho ignorato, mettendomi a parlare al telefono con un amico”. Poi, però, è passato dalle sole parole, incomprensibili per l’ubriachezza, ai fatti. “Mi ha placcato da dietro – racconta la ragazza ancora molto scossa -, la sua stretta era molto forte e per quanto cercassi di divincolarmi e allontanare le sue mani che mi toccavano mi tratteneva, palpeggiava e cercava di trascinarmi indietro”. Per quanto tempo? “Tre-quattro minuti”, spiega la giovane raccontando una delle più brutte esperienze della sua vita.

A mandare all’aria i piani dello stupratore è stata solo una casualità, l’arrivo dell’amico che la 19enne stava attendendo nel parcheggio, vestita in cappotto lungo e jeans. “Quando è arrivato Andrea – spiega – si è allontanato da solo, fuggendo via nel buio, dietro i Portici”. La 19enne, ancora scossa ha subito allertato la polizia, che è giunta sul posto con una volante, ma a quel punto non c’era già più niente da fare: l’ubriaco si era allontanato in fretta e furia. Commenta la giovane: “Non era particolarmente tardi, erano solo le otto e mezza di sera. Nel momento peggiore, quando mi tratteneva, ho chiesto aiuto ad una persona che ho visto passare dall’altra parte della strada, ma non è intervenuta”. Ed ancora: “Se fosse stata una persona più giovane, che magari non riusciva a opporre resistenza mentre cercava di trascinarla oppure una persona che non stava aspettando nessuno, non immagino come sarebbe potuta finire”.

http://www.today.it/citta/violenza-sessuale-forli-21-aprile-2017.html

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Forlì

RSS Feed Widget

Lascia un commento